Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA CRIPTOMONETA

Libra, Facebook nel mirino dell’Europa: la banche centrali pronte alla stretta

Faro sugli effetti sul mercato ed eventuali impatti sulla privacy. Report S&P: “Troppi ostacoli normativi nel cammino della moneta virtuale del social”

26 Giu 2019

Antonio Dini

Battere moneta è un affare serio, non può essere lasciato senza regole, non fosse altro per il rischio riciclaggio. Dopo che il G7 ha creato una task force con Banche centrali e Fmi per studiare gli effetti della criptovaluta e dopo il monito dell’Europarlamento, secondo il quale “Facebook non deve trasformarsi in una banca ombra”, adesso tocca ai regolatori del mercato europeo far sentire la loro voce sulla nuova Libra Coin, criptovaluta di facebook.

Sono le Banche centrali europee e le authority a chiedere dettagli e documenti tecnici per capire più esattamente cosa sta facendo Facebook. Dopo che Andrew Bailey, responsabile della Financial Conduct Authority britannica ha dichiarato al comitato parlamentare competente a Londra che non sono state ancora fornite abbastanza informazioni da parte di Facebook per avere anche solo un disco verde preliminare: «Non passeranno il processo di autorizzazione senza fornire più informazioni».

Le criptovalute come il bitcoin rimangono una delle aree meno regolamentate della finanza e la risposta dei regolatori finanziari nazionali e internazionali e delle autorità monetarie al progetto Libra avrà un impatto cruciale sul futuro di questo settore.

S&P Global Ratings ha dichiarato che gli ostacoli normativi rappresentano il principale ostacolo al successo della Libra e rischiano di ritardare il suo lancio. La moneta sarebbe probabilmente soggetta a normative diverse, come nel caso delle criptovalute esistenti.
«Questo livello di controllo – hanno scritto gli esperti di S&P in un rapporto – potrebbe comportare ritardi o limiti di portata nell’introduzione iniziale della criptovaluta».

Il progetto di Facebook ha sollevato problemi di privacy tra i legislatori degli Stati Uniti e ha spinto le Banche centrali europee a chiedere il controllo per garantire che non compromettesse il sistema finanziario o che venisse usato per riciclare denaro.

Fino ad ora, le Banche centrali di tutto il pianeta si sono in gran parte astenute dalla regolamentazione delle valute digitali, concludendo lo scorso anno che erano troppo piccole per rappresentare un rischio per il sistema finanziario.
Anche se il piano di Facebook di espandersi nel settore dei pagamenti non dovrebbe essere all’ordine del giorno del vertice del G20 di questa settimana in Giappone, il Financial Stability Board (FSB), che coordina le regole finanziarie per i paesi del G20, ha detto che potrebbe portare i legislatori a dare un’occhiata più da vicino al problema delle valute digitali.

Bailey ha detto che i controllori sono in contatto con Facebook e che possono aspettarsi molti altri passaggi, mentre anche Domenico Gammaldi, responsabile del mercato e dei sistemi di pagamento della Banca d’Italia, ha richiesto ulteriori informazioni. «Un “white paper” senza alcuna informazione scritta sopra è “bianco” nel senso sbagliato del termine» ha detto alla Crypto Valley Conference di Zug, in Svizzera. Il governatore della Banca di Francia, Francois Villeroy de Galhau, ha dichiarato che la Libra dovrebbe rispettare le norme anti-riciclaggio di denaro e che i suoi sostenitori dovrebbero cercare una licenza bancaria se vogliono offrire servizi come i depositi.

La Francia sta usando la sua presidenza di un anno del G7 per istituire una task force per affrontare questo tipo di problemi e preoccupazioni a livello internazionale. Altri banchieri centrali sono stati più ottimisti riguardo al progetto per il quale Facebook ha reclutato 28 partner tra cui Mastercard, PayPal e Uber per formare la “Libra Association” con base a Ginevra, che servirà per governare la criptovaluta.

«Penso che sia uno sviluppo interessante e sono abbastanza rilassato», ha dichiarato Thomas Moser, membro supplente del consiglio di amministrazione della Swiss National Bank.
«Facebook ha chiaramente indicato che è disposta a giocare secondo le regole, e hanno contattato i regolatori competenti» ha detto nel suo discorso alla Crypto Valley Conference. La Bank for International Settlements, una organizzazione che raccoglie alcune banche centrali di tutto il mondo, ha detto oggi che è necessario un maggiore coordinamento politico per affrontare l’ingresso nella finanza delle grandi aziende tecnologiche come Facebook.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
criptomoneta
F
facebook
L
libra

Articolo 1 di 5