Tim nella top ten delle aziende più sostenibili d’Italia - CorCom

ESG PERCEPTION INDEX

Tim nella top ten delle aziende più sostenibili d’Italia

Enel, Eni e Cdp sul podio. Nella classifica di Reputation Science sulla percezione che gli stakeholder hanno della reputazione dei brand performance al rialzo per il settore Media e Telco: si piazzano anche Open Fiber, Fastweb e Sky

11 Ago 2021

Patrizia Licata

giornalista

È Enel l’azienda italiana percepita in assoluto come più sostenibile dai consumatori online, mentre Tim guida la classifica per il settore Telco & Media, secondo l’Osservatorio di Reputation Science, che ha elaborato l’indice “ESG Perception Index” per misurare la percezione di sostenibilità delle aziende.

A guidare il ranking del periodo gennaio-giugno 2021 sono i settori Energia, Automotive e Finance, che da soli occupano l’85% delle prime 20 posizioni. Sono questi, infatti, i cluster coinvolti maggiormente nella transizione energetica e ambientale, spesso chiamati ad agire prima degli altri. Dopo Enel (score 94.68)si piazzano Eni (85.74). e Cassa depositi e prestiti (69.96).

L’Osservatorio di Reputation Science prende in esame le maggiori aziende sul mercato italiano (capitalizzate a Piazza Affari, classifica Mediobanca, classifica Interbrand) per produrre una classifica delle prime 200 società percepite come più sostenibili sul web. Il modello di analisi valuta la prossimità del brand ai 17 pillar della sostenibilità definiti dall’Onu e produce per ciascuna un indicatore (da 0 a 100) basato su parametri quali-quantitativi e strutturali.

Media & Telco sempre più sostenibili

Performance superiore alla media per le aziende del settore Media & Telco, che ottengono, tutte insieme, uno score medio di 33.95 punti. A fare da apripista Tim-Telecom Italia, che si piazza anche al decimo posto della classifica generale con il punteggio di 58.27. Nel periodo in esame (gennaio-giugno 2021), la società ha siglato accordi con Erg per la fornitura di energia green e con A2A per la trasformazione digitale e l’efficientamento energetico.

WHITEPAPER
Energia rinnovabile: il mercato e il panorama degli incentivi per l’eolico
Sviluppo Sostenibile
Utility/Energy

È seconda Rai (49.17), che ha aderito alla campagna M’illumino di meno, terzo posto per Open Fiber (44.32). La società guidata da Elisabetta Ripa, in particolare, si è confermata Top Employers Italia 2021 per l’impegno a mantenere il benessere dei propri dipendenti.

Quarto posto per Sky (44.04), scelta dal ministero per l’Ambiente come principale partner di Cop26, la conferenza dell’Onu sul cambiamento climatico. Punteggio sopra la media anche per Dazn (33.69), Netflix (32.94), davanti al gruppo Gedi (32.32) e a Mediaset (32.05). Chiudono il cluster, più lontane, Cairo Communication (14.83), Mondadori Editore-Fininvest (14.24) e Disney (8.07).

I brand dell’energia al vertice

Enel, prima della classifica complessiva, si è distinta nei primi sei mesi dell’anno per aver siglato numerose partnership con aziende come Pirelli, Porsche, Renault e Q8 per sostenere la mobilità elettrica e ha stretto accordi con Leonardo e Fincantieri per la sicurezza e la gestione sostenibile dell’energia. La società guidata da Francesco Starace, inoltre, ha siglato un patto con Saras per sviluppare l’idrogeno verde in Sardegna, nella raffineria di Sarroch.

Al secondo posto della classifica generale c’è Eni, che nei primi mesi dell’anno ha ampliato la sua presenza in Spagna nel settore fotovoltaico. L’azienda di Claudio Descalzi ha presentato il nuovo report di sostenibilità, raccontando il proprio viaggio verso Net Zero, ha collocato il primo bond Sustainability linked del settore da 1 miliardo di euro, ha siglato un accordo ventennale con A2A per il teleriscaldamento a Milano e ha lanciato, in collaborazione con Cdp Equity, GreenIt, nuova joint venture per lo sviluppo, la costruzione e la gestione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili in Italia.

Proprio Cassa Depositi e Prestiti è terza: beneficia nella sua reputation dell’impegno insieme a Bper, Banca Popolare di Sondrio e Sace a sostenere la mobilità green nel settore navale e e della promozione di Renovit per accelerare sull’efficienza energetica.

Consulting & Services, PwC al top

Le aziende di consulenza percepite come più sostenibili sul web vedono al primo posto PwC (49.28), che con l’evento Italia 2021 – è tempo di ricostruire ha messo a sistema i maggiori esperti delle istituzioni, della finanza e del mondo d’impresa proprio per parlare di sviluppo sostenibile. Salgono sul podio del loro segmento industriale, rispettivamente con il punteggio di 45.45 e 44.77, i colossi Accenture e Kpmg. Entrambi, attraverso il proprio sito web e le proprie pagine social, hanno rinnovato i propri impegni nei confronti di un business sostenibile.

Quarto posto per Deloitte (40.16), mentre EY è quinta (35.80) anche grazie al proprio Summit Infrastrutture 2021 dedicato alla transizione digitale ed energetica. Più lontane, e oltre il centesimo posto in classifica generale, Engineering (29.08), McKinsey (16.91), Bcg (15.10) e Capgemini (14.35). Chiude la classifica di settore l’azienda informatica Ibm (14.32).

Come si piazzano i produttori di smartphone

Nek settore Industry la reputazione percepita sul web in tema Esg è più alta per Pirelli, al primo posto nella classifica di settore e all’undicesimo nella classifica generale. L’azienda guidata da Marco Tronchetti Provera, nei primi sei mesi dell’anno si è distinta per gli accordi stretti con Enel X in merito alla ricarica di auto elettriche, è stata inserita tra le 50 aziende più sostenibili del mondo e ha inaugurato il proprio hub per sostenere la campagna vaccinale contro il Covid-19.

Sfiora l’ingresso nella top20 generale Fincantieri (50.17), al secondo posto nel cluster Industry per il suo impegno per la transizione energetica del trasporto marittimo. Il colosso Huawei è terzo con 46.40 punti con il suo investimento da un miliardo di dollari sull’auto elettrica, seguita da Apple (46.25) e Siemens (45.13). Settima Samsung (39.00).

Lo studio include in tutto i seguenti segmenti: Automotive, Building, Consulting & Services, Energy, Fashion & Beauty, Finance, Food, GDO & Retail, Industry, Media & Telco, Pharma, Transport, University.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4