Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

CES2017

Bosch, più sicuri ed efficienti con gli angeli custodi 2.0

Al Ces 2017 di Las Vegas le nuove soluzioni della compagnia tedesca, che punta a connettere il 100% dei suoi prodotti elettronici per la casa, l’ufficio e il tempo libero. Al centro della strategia automotive, domotica e industria 4.0

05 Gen 2017

Andrea Frollà

Angeli custodi 2.0, in grado di accompagnarci e proteggere la nostra vita quotidiana mentre siamo a casa, in ufficio o in macchina. C’è questa vision nelle soluzioni che Bosch mette in mostra in questi giorni al Consumer Electronics Show 2017 di Las Vegas. Dispositivi che stanno diventando sempre più dei veri e propri assistenti intelligenti, capaci di semplificare e rendere più sicura la vita familiare o professionale e il tempo libero. Bosch si è posta lo sfidante obiettivo di connettere progressivamente in rete il 100% dei propri prodotti elettronici e di offrire un pacchetto di servizi connessi per ogni prodotto, mettendo così il cliente al centro.

Tra le soluzioni svelate a Las Vegas c’è una nuova concept car, che mostra le modalità con cui nel prossimo futuro i vari ambiti della vita quotidiana saranno perfettamente interconnessi fra loro. O un insieme di dispositivi IoT sparsi per la casa, capaci di eseguire diverse funzioni simultaneamente: per esempio, il rilevatore di fumo che esegue anche il monitoraggio della qualità dell’aria e la cui sirena può essere usata anche come deterrente per i ladri. Grazie alla personalizzazione delle soluzioni connesse, Bosch non vuole insomma più limitarsi ad adattare tecnologie e servizi a specifiche esigenze individuali, ma sviluppare veri e propri assistenti personali.

Per orientarsi con decisione verso questo modello, la compagnia tedesca punta su dei partner specializzati nella domotica. Come Mayfield Robotics, startup supportata da Robert Bosch Start-up GmbH (incubatore della multinanzionale, ndr), che al Ces 2017 presenta Kuri. Si tratta del suo primo robot, il cui lancio negli Stati Uniti è previsto per la fine del 2017. È alto 50 centimetri, dotato di una serie di sensori e può muoversi liberamente in un ambiente, prendendo costantemente nota dei percorsi più brevi possibili. Se Kuri si propone come fedele compagno di vita quotidiana, il robot Apas sviluppato da Bosch e Mayfield promette invece una fabbricazione flessibile ed efficiente in nome del paradigma dell’industry 4.0. Esegue le attività più difficili, pericolose e monotone. L’assistente di produzione automatico è progettato per cooperare a stretto contatto con gli esseri umani e, grazie alla sua epidermide sensoriale, rileva quando una persona si avvicina troppo spegnendosi immediatamente.

Articolo 1 di 3