GENDER GAP

Stem, alla Sapienza 100 borse di studio da 3.255 euro l’anno

Si rinnova l’iniziativa 100RagazzeStem per il 2022-2023: il progetto promuove le immatricolazioni delle studentesse ai corsi di Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica. La rettrice Polimeni: “Un’opportunità concreta per sostenere la componente femminile nella formazione superiore in ambito scientifico”

17 Nov 2022

Lorenzo Forlani

woman-digitale-donne-donna-tech

E’ stato pubblicato il bando 100ragazzeSTEM 2022, che mette a disposizione borse di studio triennali per 100 immatricolate ai corsi di ambito scientifico-tecnologico, del valore di 3255 euro per ciascun anno. 

Obiettivo ridurre il gender gap in un settore strategico 

L’iniziativa, giunta alla seconda edizione, conferma l’impegno dell’Università La Sapienza a ridurre il gap di genere in un settore strategico per lo sviluppo del Paese. Continua così il processo di incentivazione delle ragazze ad avvicinarsi al mondo della scienza e della tecnologia, e a scegliere quelle facoltà che assicurano sbocchi professionali nei settori chiave dello sviluppo scientifico e tecnologico.

WHITEPAPER
Pharma: come gestire grandi volumi di dati eterogenei e non strutturati?

A quali ragazze è rivolta l’iniziativa

Dopo il successo della prima edizione, l’Ateneo ha rinnovato l’iniziativa anche per l’anno accademico 2022-2023, promuovendo le immatricolazioni delle studentesse ai corsi triennali di Scienze matematiche, fisiche e naturali, ingegneria dell’informazione, informatica e statistica, ed ingegneria civile ed industriale, attraverso l’assegnazione di 100 borse di studio del valore annuale di 3255 euro. L’iniziativa 100ragazzeSTEM è destinata a ragazze meritevoli residenti al di fuori della Regione Lazio, diplomate nell’anno scolastico 2021-2022 con votazione pari a 100, e che non siano già titolari di altra borsa di studio.

SCARICA QUI IL BANDO

Le assegnazioni delle borse terranno conto di criteri di Isee e di età anagrafica e per il loro mantenimento negli anni successivi al primo sono previsti criteri di merito legati all’acquisizione dei crediti formativi previsti. Nello specifico, sarà possibile mantenere la borsa di studio negli anni seguenti al primo solo se si raggiungeranno i seguenti requisiti di merito: 25 Cfu entro il 10 agosto dell’anno accademico di immatricolazione per avere la borsa il secondo anno; 80 Cfu per entro il 10 agosto del secondo anno per avere la borsa il terzo anno. Il bando di partecipazione scade il 19 dicembre 2022.

Progetto coerente col Gender Equality Plan adottato dall’Ateneo

“Questa iniziativa, giunta alla sua seconda edizione – ha spiegato la Rettrice Antonella Polimeni – rappresenta una opportunità concreta per sostenere la componente femminile nella formazione superiore in ambito scientifico, riducendo il cosiddetto «gap» di genere in un settore chiave per la crescita del nostro Paese.  Il progetto si inserisce nell’ambito delle linee strategiche delineate da Sapienza, puntualmente declinate nel Gender Equality Plan adottato dall’Ateneo”, ha concluso Polimeni.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

A
antonella polimeni

Approfondimenti

G
gender gap
I
ingegneria
T
tecnologia

Articolo 1 di 5