PNRR

Transizione digitale, dal Miur 300 milioni di euro per i dottorati di ricerca

Pubblicati sul sito del Ministero i primi due decreti firmati dalla ministra dell’Università Maria Cristinao Messa per il finanziamento di percorsi innovativi. “Competenze pilastro del cambiamento”

11 Apr 2022

Veronica Balocco

università-170809152219

Sono stati pubblicati sul sito del Ministero dell’università e della ricerca i primi due decreti firmati dal ministro, Maria Cristina Messa, sui dottorati di ricerca finanziati con investimenti previsti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr).

Si tratta, in tutto, di 7.500 borse previste per l’anno accademico 2022/2023, per attività che devono essere avviate entro il 31 dicembre di quest’anno, grazie a 300 milioni di euro di investimento: 5.000 borse per dottorati innovativi che rispondono ai fabbisogni delle imprese e promuovono l’assunzione dei ricercatori da parte di queste ultime, 1.200 per dottorati di ricerca rientranti, comunque, negli ambiti di interesse del Pnrr, 1.000 per dottorati per la pubblica amministrazione, 200 per il patrimonio culturale e 100 per dottorati in programmi dedicati alle transizioni digitali e ambientali.

“Ricerca come motore dello sviluppo del Paese”

“Questi decreti sono atti veri e concreti che rimettono al centro scienza e ricerca, base della qualità della formazione universitaria e, allo stesso tempo, motore dello sviluppo del Paese, sia per la pubblica amministrazione sia per il settore privato”, dice il ministro Messa: “Lo abbiamo vissuto sulla nostra pelle quanto la ricerca sia vitale e come il metodo scientifico sia l’unico strumento in grado di farci trovare soluzioni a problemi sempre più complessi e correlati tra loro. Questi primi 300 milioni sono un’importante spinta per i giovani, per dire loro di non porre limiti alla curiosità e dimostrare che stiamo davvero investendo su di loro e sullo sviluppo delle loro competenze”.

WHITEPAPER
IoT e MES: quanto ne sai? Approfondisci le tecnologie per un futuro data-driven
ERP
IoT

In entrambi i decreti, le risorse sono assegnate alle università statali e non statali legalmente riconosciute, incluse le università telematiche, e agli Istituti universitari a ordinamento speciale (Gran Sasso Science Institute, la Scuola Imt Alti Studi Lucca, la Scuola Universitaria Superiore Iuss di Pavia, la Scuola Normale Superiore di Pisa, la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, la Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste). Sempre entrambi i decreti, poi, prevedono che sia possibile usare le borse assegnate sia per potenziare corsi di dottorato già esistenti sia per attivarne di nuovi, in forma singola o in consorzi, anche nell’ambito di dottorati di interesse nazionale. 

Brunetta: “Innovazione anche a favore della Pa”

“Grande soddisfazione e orgoglio per il via libera da parte della ministra dell’Università e della ricerca, Maria Cristina Messa, alle prime 7.500 borse di studio triennali per dottorati di ricerca innovativi da svolgersi anche nella pubblica amministrazione, insieme agli altri settori di interesse del Piano nazionale di ripresa e resilienza – afferma in una nota Renato Brunetta, ministro per la Pubblica amministrazione –. È un’innovazione di grande significato per il futuro del Paese, che va di pari passo con la rivoluzione in corso per rendere la Pa più efficiente, più attrattiva e più preparata. Ringrazio la collega Messa, che si è sempre dimostrata un’alleata preziosa, sensibile e attenta all’esigenza di dotare le amministrazioni delle competenze più utili ad affrontare la sfida della transizione amministrativa, digitale ed ecologica. Grazie alla nostra collaborazione è nato il progetto ‘Pa 110 e lode‘, che consente a tutti i dipendenti pubblici l’accesso a condizioni agevolate a corsi di laurea, corsi di specializzazione e master in oltre 70 Università su tutto il territorio nazionale. Il Pnrr è anche questo: sviluppare sinergie per favorire i nostri giovani talenti, unire le forze per la scommessa più importante, quella sul capitale umano, la chiave di volta per la ripresa del Paese”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4