I DATI

Per l’Ict italiano numeri da record: lo smart working traina le vendite

Impennata degli acquisti di dispositivi hi-tech, in particolare cuffie e microfoni: +362% anno su anno. In forte aumento anche laptop (36,5%), tablet (41,3%), software per il business (60,5%), strumenti di sviluppo software (89,3%), unità di memoria Ssd (32%), software per la sicurezza (38,8%) e le cartucce per le stampanti (8%)

13 Mar 2020

Antonio Dini

Il canale per la distribuzione IT in Italia ha registrato una robusta crescita nei mesi di gennaio e febbraio, con la categoria dello smart working che ha guidato la crescita a causa dell’emergenza coronavirus. E’ quanto emerge dalle rilevazioni effettuate da  Context.

In particolare, nei primi due mesi dell’anno il canale di distribuzione IT ha registrato una crescita del 12,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. A febbraio la crescita anno su anno è arrivata al 16%. Sempre a febbraio la domanda di strumenti per abilitare lo smart working e la scuola a distanza hanno portato a una crescita del 362% anno su anno di cuffie e microfoni. Nell’ultima settimana del mese la crescita anno su anno è stata del 49,8%.

A febbraio inoltre sono cresciute le vendite di computer portatili (36,5%), tablet (41,3%), software per l’ufficio (60,5%), strumenti di sviluppo software (89,3%) e unità di memoria di massa SSD (32%). Sono cresciuti anche i software per la sicurezza (38,8%) e le cartucce di inchiostro (8%).

Come risultato, le ultime due settimane dei febbraio hanno visto una crescita rispettivamente del 21 e del 20% in tutte le categorie.

I rivenditori di piccole e medie dimensioni e le catene di vendita hanno registrato anch’esse una crescita sostanziale a febbraio rispetto all’anno prima, soprattutto nella parte finale del mese. I rivenditori hanno registrato un’impennata del 30,9% alla fine del mese e le catene del 72,4% sempre nella seconda parte del mese.

360digitalskill
Diventa un leader digitale: crea il percorso per te e il tuo team
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

È iniziata però una prima fase di rallentamento. Il punto di svolta potrebbe essere stato raggiunto nella categoria dei microfoni e cuffie: la vendita di unità è passata dal 282% in più la settimana del 17 febbraio all’1,5% nella settimana del 24 febbraio.

“Nonostante le incertezze sull’impatto economico di Covid-19 in Italia – dice Isabel Aranda, Country Manager di Context per l’Italia – i fornitori e i distributori IT si stanno adattando con una velocità notevole al nuovo ambiente aziendale al fine di supportare la produttività dei clienti e proteggere la salute pubblica. Gli strumenti di lavoro intelligenti sono fondamentali per aiutare le aziende e le organizzazioni del settore dell’istruzione a far fronte a queste circostanze straordinarie. Riteniamo che queste categorie continueranno ad essere molto richieste, poiché il blocco proseguirà almeno fino al prossimo tre di aprile”.

I dati fanno il paio con quelli di Gfk che sta aggiornando gli andamenti settimanalmente. Nella settimana dal 2 all’8 marzo si è registrata una crescita a valore del +63% per i pc portatili, rispetto alla stessa settimana all’anno precedente. Molto significativo anche l’incremento delle vendite di pc desk (+15%) e stampanti multifunzione (+53,5%). Gli italiani insomma si stanno attrezzando per ricostruire a casa propria un vero e proprio ufficio in miniatura.

Il trend dei pc portatili è molto significativo sia per volumi che per valore e la settimana dal 2 all’8 marzo 2020 è stata la più performante per vendite negli ultimi 6 mesi (escludendo i picchi di come Natale e Black Friday).

Teleconsys - White Paper - Digital Workplace

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

C
Context

Approfondimenti

C
coronavirus
C
cuffie
N
nicrofoni
S
Smart Working

Articolo 1 di 3