Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL SERVIZIO

Apple Music, primo mese col botto: utenti a quota 10 milioni

I numeri elaborati da Re/Code sulla base dell’ultimo rapporto dell’industria musicale Usa. Il servizio consente lo streaming di oltre 30 milioni di brani

30 Lug 2015

Federica Meta

Ad un mese dal lancio, Apple Music potrebbe già aver raggiunto il traguardo dei 10 milioni di utenti che hanno scaricato il servizio. Non sono dati ufficiali, ma lo scrive il blog statunitense Re/Code sulla base di un rapporto dell’industria musicale a HITS Daily Double. Per i primi tre mesi Apple Music è gratuito, dopo questo periodo sarà solo a pagamento. Soltanto per fare un confronto, un servizio analogo molto popolare come Spotify, lanciato nel 2008 in Svezia, ha 75 milioni di utenti di cui 20 a pagamento.

Apple Music, lanciato il 30 giugno scorso in 100 paesi – tra questi l’Italia – diventerà a pagamento da fine settembre. Si tratta di una piattaforma di musica che mette insieme lo streaming di canzoni, iTunes e una radio che trasmette 24 ore su 24. Il servizio permette lo streaming di oltre 30 milioni di brani, playlist create da esperti di musica su misura per gli utenti. Le canzoni potranno essere richiamate anche con l’ iuto dell’assistente vocale Siri.

Ma l’aspetto su cui Apple Music conta per affermarsi è la radio “planetaria” Beats 1, interamente dedicata alla musica, con approfondimenti e interviste. Trasmetterà in diretta in oltre 100 Paesi, 24 ore su 24, guidata da Dj come Zane Lowe a Los Angeles, Ebro Darden a New York e Julie Adenuga a Londra.

Un’altra carattristica di “Apple music” è il fatto che è disponibile anche su piattaforme rivali: in autunno sarà su Windows di Microsoft e Android di Google. Il servizio intanto in Usa è finito nel mirino delle autorità, che vogliono accertare eventuali violazioni a danno dei rivali negli accordi con le case discografiche.

Per Enzo Mazza, presidente della Fimi, Apple Music è sicuramente uno degli elementi che sta generando forti aspettative nel popolato segmento dello streaming musicale. “L’integrazione di iOs 8.4 con il servizio musicale che tutti i clienti troveranno pre-installato sull’Iphone e gli 800 milioni di carte di credito registrate con Apple possono far fare allo streaming musicale quel definitivo salto di qualità per trasformare il mercato discografico in un vero mercato di massa”, sottolinea.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
apple music
E
enzo mazza
S
spotify