LE MISURE

Editoria online, Telegram passa all’azione: bloccati i canali “pirata”

La piattaforma risponde alla Procura di Bari via e-mail e procede all’oscuramento di 19 canali. Fieg e Fnsi: “Misura finalmente concreta ed efficace. Ora Governo e Parlamento recepiscano direttiva copyright”

28 Apr 2020

Mila Fiordalisi

Direttore

Sono 20 i canali che Telegram ha bloccato a seguito dell’inchiesta della Procura di Bari e delle misure decise da Agcom.  La magistratura barese aveva già posto sotto sequestro, in via preventiva, i canali in questione per mettere a fine alla diffusione illecita di testate giornalistiche costata al settore, secondo stime della Fieg, perdite per 670mila euro al giorno.

La magistratura barese, dopo aver inviato 5 notifiche ad altrettanti indirizzi e-mail riconducibili ai rappresentanti legali della società che ha sede a Dubai, ha ricevuto una risposta in cui l’azienda comunica di aver bloccato i canali segnalati ad eccezione di “Edicola Settimanali” che secondo quanto si legge nel messaggio “non è stato individuato.

Hello, Thank you for your email. We have blocked all the channels from your list except q. “Edicola Settimanali”. We can’t find any channel with that name. Would you share a link or a screenshot please? We kindly ask you to confirm you have received this email. Much appreciated!”, questo il testo del messaggio pervenuto alla Procura di Bari.

Proseguono intanto le indagini per identificare gli autori dei reati ipotizzati, ossia riciclaggio, ricettazione e violazione del diritto d’autore. “L’applicazione Telegram risulta sviluppata dalla Telegram LLC con sede in Dubai, società nota per proteggere i dati e la privacy degli utenti e allo stato attuale non sono identificabili gli amministratori dei singoli canali”, sottolinea la Procura.

Fieg e Fnsi esprimono il loro più convinto apprezzamento per l’iniziativa della Procura di Bari che ha disposto il sequestro di 19 canali Telegram pirata, adottando una misura finalmente concreta ed efficace di contrasto alla pirateria digitale”, si legge in una nota congiunta a firma delle Federazioni degli editori e della stampa che però chiedono a Governo e Parlamento “un’azione decisa per recepire in tempi brevi la direttiva europea sul diritto d’autore nell’ordinamento italiano, analogamente a quanto già avvenuto in altri Paesi dove il confronto con le piattaforme digitali è a uno stadio molto più avanzato. Si tratta di un passaggio imprescindibile per tutelare gli investimenti delle aziende editoriali e difendere il lavoro dei giornalisti”.

Ecco i canali bloccati

Edicola Luxuriosa 196.027 utenti

Riviste Italiane 27.171 utenti

Riviste 24 Edicola 2.810 utenti

Riviste Oggi 7.725 utenti

Solo riviste mensili 2.859 utenti

Giornali 1.643 utenti

Libri universitari pdf 22.315 utenti

Libri pdf gratis 48.104 utenti

Edicola-Free 4.052 utenti

Giornali e riviste 9.539 utenti

Libri universitari 9.309 utenti

EbookDoe 51.893 utenti

Quotidiani-libri-riviste Italia 1.199 utenti

Giornali riviste gratis italiane 24.923 utenti

Il Giornalaio “Moderno” 21.694 utenti

Libri Italia 7.921 utenti

Giornali italiani 4.006 utenti

Quotidiani l@OTInews 3.188 utenti

Quotidiani e mensili 1.636 utenti

Libri in italiano gratis 1.049 utenti

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3