L'ANNUNCIO

Elezioni Ue, Google dà il via all'”operazione trasparenza” sulla pubblicità

Da gennaio dovranno essere dichiarati i nomi degli inserzionisti di advertising correlabili a gruppi politici: “Puntiamo a sostenere i processi democratici”

22 Nov 2018

Più controlli sull’advertising online in vista delle elezioni europee. Lo annuncia Google in un blogpost. D’ora in poi se una pubblicità sarà collegabile a partiti politici, candidati o altri incarichi pubblici relativi alle elezioni 2019, dovranno essere comunicati i nomi delle aziende (o delle persone) che stanno comprando la pubblicità. Si tratta dello stesso modello adottato negli Usa.

Google collaborerà con i comitati elettorali degli Stati membri per mettere a disposizione degli utenti informazioni provenienti da fonti autorevoli, “continuerà a investire sulla messa in sicurezza della piattaforma – scrive sul blog – e offrirà corsi personalizzati ai gruppi più a rischio di attacchi informatici o di phishing”. Verrà inoltre messo a punto un nuovo strumento che permetterà agli utenti di conoscere chi acquista le inserzioni politiche, quali sono i suoi target e quanti soldi vengono spesi.

Insieme a Facebook, Mozilla e Twitter, Google è tra le piattaforme online che hanno aderito al codice di condotta per la trasparenza sul web proposto dalla Commissione europea.

Le nuove regole entreranno in vigore a gennaio, ma gli utenti potrebbero cominciare a visualizzare le informazioni sugli inserzionisti non prima di febbraio o marzo.

“Stiamo prendendo sul serio il tema elezioni – scrive Lie Junius director of Public Policy Google Europe -. Puntiamo a sostenere i processi democratici in tutto il mondo, anche aumentando la trasparenza della pubblicità politica online, aiutando a collegare le persone a informazioni utili e pertinenti relative alle elezioni e lavorando per proteggere le informazioni sulle elezioni online”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

G
google