Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'EDITORIALE

Coronavirus, il ruolo fondamentale dei media. Ecco tutte le fonti accreditate

Sui siti del Ministero della Salute e dell’Oms le risposte ai dubbi più comuni. Online anche una mappa interattiva dei contagi

05 Apr 2020

Mila Fiordalisi

Direttore

Non siamo qui a dare lezioni di scienza, non è la nostra competenza, né tantomeno a cavalcare il dibattito su ciò che si sarebbe o non si sarebbe dovuto fare, o quel che sia necessario fare per prevenire i contagi da coronavirus a livello nazionale, nemmeno questa è competenza di chi si occupa di informazione.

I media hanno però un compito fondamentale: aiutare la divulgazione di notizie e informazioni che possano aiutare i cittadini a comprendere ciò che sta accadendo e quindi a mettere in atto tutte le misure informative – determinanti – a supportare le istituzioni nel difficile compito che si trovano ad affrontare.

Numerose le fake news che continuano a circolare da quando il coronavirus ha iniziato a diffondersi dalla Cina progressivamente in tutto il mondo. Al punto che persino i social network, Facebook e Twitter in primis, hanno dovuto correre ai ripari per stoppare o quantomeno contenere la diffusione di notizie false, di bufale e rimbalzi di informazioni fuorvianti. Amazon ha bloccato la vendita di prodotti-truffa, spacciati per rimedi anti-coronavirus. E l’impennata dei prezzi di mascherine e prodotti igienizzanti – una vera e propria speculazione – è sicuramente una questione da non prendere sotto gamba perché al pari della vendita di prodotti e soluzioni fake contribuisce a far lievitare non solo il business degli sciacalli ma soprattutto i timori e le paure.

Ci teniamo a dare il nostro contributo affinché ciascuno possa tenersi informato adeguatamente e chiarirsi dubbi più che leciti.

Il ministero della Salute ha creato una pagina dedicata all’emergenza coronavirus – ribattezzato Sars-Cov-2 – in cui attraverso una serie di Faq (domande frequenti) è possibile ottenere risposte in merito a tutta una serie di questioni: dalle modalità di trasmissione e contagio all’uso delle mascherine (chi deve usarle, come e perché) passando per indicazioni sul trattamento degli alimenti. E un capitolo è dedicato persino agli animali da compagnia, sui quali nei giorni scorsi sono state parecchie le fake news diffuse via Internet.

Per tenersi informati sulle aree a rischio e sull’evoluzione del virus ci si può collegare alla pagina dedicata a cura dell’Organizzazione mondiale della Sanità. Ed è a disposizione online anche una mappa interattiva della diffusione dei contagi messa a punto dall’Università Johns Hopkins aggiornata praticamente in tempo reale. L’Istituto Superiore di Sanità ha una pagina dedicata invece a mappare lo stato dell’influenza stagionale in Italia, molto utile per un confronto con i numeri e la casistica del coronavirus.

A disposizione dei cittadini anche il numero di pubblica utilità 1500. E numeri verdi ad hoc sono stati attivati per gestire le emergenze nelle cosiddette aree focolaio.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5