Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

L'ANNUNCIO

Fake news, faro della Ue sulle elezioni italiane

La commissaria europea al Digitale, Mariya Gabriel: “Dal 2015 agiamo contro le campagne di disinformazione in corso in Russia, che mirano a destabilizzare le democrazie europee e in particolare dell’Europa dell’Est”. Il “red button” di Minniti alla prova del nove. Il Papa: “Alterare la verità distorce la facoltà di comunicare”

24 Gen 2018

“Intendiamo occuparci di tutti i diversi aspetti delle fake news, in particolare fake news su temi sociali e politici. I vari processi elettorali, come quello in corso in Italia, saranno evidentemente presi in considerazione, però non ci focalizzeremo su un caso particolare. Ciò farà parte della nostra analisi approfondita”. Lo afferma la commissaria Ue al digitale, Mariya Gabriel, in un’intervista a Qn. “Dal 2015 agiamo contro le campagne di disinformazione in corso in Russia, che mirano a destabilizzare le democrazie europee e in particolare dell’Europa dell’Est”, spiega Gabriel.

“Per fare dei passi avanti dobbiamo definire ciò che è necessario a livello europeo per proteggere i cittadini e salvaguardare i nostri valori e le nostre democrazie – evidenzia la commissaria – Anche quando non sono illegali, le fake news si stanno propagando a un ritmo inquietante, minacciano la reputazione dei media e lo stato di salute delle nostre democrazie”, evidenzia la commissaria europea. Per questo “da una parte dobbiamo reagire ai pericoli legati alle false informazioni e alla propaganda della disinformazione on line anche se i contenuti specifici non sono illegali; dall’altra parte, abbiamo chiesto alle piattaforme online di essere più attive e rapide nel ritiro dei contenuti illegali a cominciare dalla propaganda terrorista”.

La Commissione Ue sta mettendo in atto una strategia a tutto campo contro le “bufale”: ha istituito un Gruppo di alto livello per fornire consulenza alla Commissione Ue su come contrastare la diffusione della disinformazione online. Si tratta di 39 esperti (per l’Italia ci sono il docente della Bocconi, Oreste Pollicino, i giornalisti Gianni Riotta e Federico Fubini e la manager Mediaset, Gina Nieri) presieduti da Medeleine De Cock Buning, docente dell’università di Utrecht. Il gruppo contribuirà alla definizione della strategia dell’Unione europea per combattere le fake news che sarà presentata nella primavera di quest’anno.

Ma anche il governo italiano si prepara all’apputamento elettorale de 4 marzo: è stato lanciato un “red button”, un bottone rosso per segnalare le fake news in tempo di campagna elettorale. Il ministero dell’Interno e la Polizia Postale hanno battezzato il nuovo servizio di segnalazione istantanea attivato, attraverso un protocollo operativo, dal Servizio di polizia postale e delle comunicazioni.

Un sistema di contrasto alla diffusione delle fake news attraverso il web in occasione della campagna elettorale per le elezioni politiche 2018 al quale potranno accedere tutti i cittadini che si vedano colpiti da campagne di disturbo, se non di vera e propria disinformazione, che oggi, con l’avvento dei social, sembra assumere contorni ancora più vasti e pericolosi rendendo “virale” un contenuto falso. Ruolo centrale per questo servizio il cosiddetto “Commissariato online” pagina web attiva dal 2005 alla quale, fino ad oggi, si sono rivolti oltre poco meno di un milione di persone.

Un servizio dedicato di segnalazione istantanea grazie al quale l’utente, giovandosi di una interfaccia web semplice e immediata, e senza particolare procedura di registrazione, potrà segnalare l’esistenza in rete di contenuti ascrivibili alle cosiddette fake news.

Sui pericoli della disinformazione è intervenuto anche il Papa. “L’uomo, se segue il proprio orgoglioso egoismo, può fare un uso distorto anche della facoltà di comunicare, come mostrano fin dall’inizio gli episodi biblici di Caino e Abele e della Torre di Babele. L’alterazione della verità è il sintomo tipico di tale distorsione, sia sul piano individuale che su quello collettivo”. Con questa parole Papa Francesco ha aperto la sua argomentazione sulle fake news nel Messaggio per la 52/ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali, sul tema “‘La verità vi farà liberi. Fake news e giornalismo di pace”.

Oggi, in un contesto di comunicazione sempre più veloce e all’interno di un sistema digitale, assistiamo al fenomeno delle ‘notizie false’, le cosiddette fake news: esso ci invita a riflettere e mi ha suggerito di dedicare questo messaggio al tema della verità”, spiega il Pontefice, che intende così “offrire un contributo al comune impegno per prevenire la diffusione delle notizie false e per riscoprire il valore della professione giornalistica e la responsabilità personale di ciascuno nella comunicazione della verità”

@RIPRODUZIONE RISERVATA
M
F. Me

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link