SOCIAL MEDIA

Meta, su Instagram e Messenger in arrivo gli ads “intelligenti”

La holding di Zuckerberg annuncia nuove soluzioni destinate agli inserzionisti per invertire la tendenza al ribasso che ha spinto il valore delle azioni al minimo dal 2019. E intanto Spotify lancia anche in Italia Podsight, lo strumento di misurazione della pubblicità su podcast

05 Ott 2022

Veronica Balocco

facebook

Online advertising al centro della scena. Da un lato Meta: la casa madre di Facebook cerca una soluzione per  invertire la tendenza al ribasso delle entrate, che ha recentemente spinto il prezzo delle azioni al minimo dall’inizio del 2019: al lancio nuove soluzioni per la pubblicità su Instagram e Messenger. Dall’altro Spotify: mentre i podcast diventano sempre più popolari e sono destinati a diventare, in Europa, un business pubblicitario da 1,5 miliardi di euro entro la fine del 2023, la piattaforma lancia in tutta Europa, Italia compresa, Podsights, un servizio di misurazione della pubblicità nei podcast che aiuta gli inserzionisti a misurare e scalare meglio la loro pubblicità all’interno di essi. 

Novità su Instagram e Messenger

La novità di Meta è stata annunciata nel corso di un recente evento per gli inserzionisti e si concretizza in un nuovo modo di visualizzare annunci sulla pagina di esplorazione di Instagram, che mostra i contenuti agli utenti in base alle loro preferenze e routine, e sulle pagine del profilo di tutti gli utenti Instagram pubblici, non adolescenti. Come parte di un nuovo test del formato dell’annuncio, gli influencer selezionati potranno consentire la pubblicazione degli annunci sui loro feed come potenziale fonte di entrate.

WHITEPAPER
Smart building: una guida per semplificare la progettazione della rete

Sul servizio di messaggistica Messenger, Facebook sta lanciando uno strumento che utilizza un software di apprendimento automatico per mostrare annunci pubblicitari destinati a “raggiungere le persone che hanno maggiori probabilità di effettuare un acquisto”, ha affermato Maz Sharafi , vicepresidente marketing e crescita di Meta per la messaggistica aziendale. Sharafi ha osservato che “la cosa importante qui è che non utilizziamo il contenuto dei messaggi per gli annunci”, il che implica che la società non analizzerà i messaggi di Messenger per determinare quali annunci verranno inseriti.

Gli annunci arrivano appena tre settimane prima che Meta rilasci il suo rapporto sugli utili del terzo trimestre, che dovrebbe mostrare un secondo periodo consecutivo di calo delle entrate. L’azienda ottiene sostanzialmente tutte le sue vendite dai mobile ads, un’attività che è stata “martellata” dagli aggiornamenti di Apple sulla privacy, dalle oscillazioni dell’economia e dalla crescente concorrenza di TikTok. Il titolo di Meta ha perso quasi il 60% del suo valore quest’anno.

Novità in arrivo grazie all’AR

Ora, guardando al futuro, l’azienda punta sull’emergere della realtà virtuale e del metaverso per guidare la crescita. E sta iniziando a sperimentare la presenza degli inserzionisti in quel mondo. In particolare, Meta ha affermato che sta testando gli annunci di realtà aumentata all’interno della funzione principale di feed e storie di Instagram: “Attraverso l’esperienza AR, i marchi possono incoraggiare le persone a provare e provare quel prodotto o interagire con gli effetti dell’ambiente circostante”, ha affermato Nicola Mendelsohn, vicepresidente.
Un’altra nuova opzione per le aziende su Instagram è un prodotto pubblicitario chiamato “annuncio multiinserzionisti” che mostrerà agli utenti un carosello di promozioni correlate per accompagnare l’annuncio originale. Meta non ha fornito dettagli sui prezzi di nessuna delle sue nuove offerte.

Intanto, per cercare di sfruttare la crescente popolarità dei reels su Facebook, Meta sta lanciando quelli che chiama annunci post-loop, un nuovo formato di annunci per creatori e aziende. Un creator potrà così pubblicare questi brevi annunci video dei partner, appunto, tra i reel.

Su Spotify si misura la pubblicità nei podcast

Novità per il mondo Ads arrivano anche dal fronte podcast. Podsights, il servizio di misurazione della pubblicità  lanciato da Spotify, è infatti ufficialmente disponibile per tutti gli inserzionisti di podcast in Italia, Regno Unito, Francia, Germania e Spagna.
Senza requisiti minimi di spesa, gli inserzionisti potranno ora accedere facilmente a informazioni in tempo reale sugli investimenti effettuati nei podcast, per capire come questi advertising guidino le azioni degli utenti per quanto riguarda il business a cui si fa riferimento, sia all’interno che all’esterno di Spotify. Podsights, in particolare, utilizza l’attribuzione basata su pixel per misurare i KPI digitali, come visite al sito web, lead, acquisti e download di app.

“Per gli inserzionisti, la pubblicità nei podcast offre un chiaro vantaggio: il messaggio viene trasmesso in un ambiente multimediale coinvolgente e immersivo, dove il pubblico sta ascoltando sia per seguire le notizie, sia per essere intrattenuto, sia per imparare cose nuove. Con il lancio di Podsights in Europa, stiamo rafforzando la nostra offerta in questa regione, aiutando gli inserzionisti a conoscere l’impatto reale del loro investimento”, afferma Rak Patel, Head of enterprise sales Emeadi Spotify.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3