Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'INTESA

Sky tratta con Open Fiber, verso un’offerta all inclusive?

Secondo Affari&Finanza, l’accordo porterebbe al lancio in Italia della versione internet del decoder Q del broadcaster Sky per la banda ultralarga e renderebbe visibile in streaming l’intera offerta dei canali

26 Mar 2018

La fibra di Open Fiber per Sky. Secondo quanto riporta Affari & Finanza, Sky è in trattativa con la società della fibra per veicolare i suoi contenuti via Internet tramite il nuovo decoder Q. L’accordo diretto con la società guidata da Elisabetta Ripa, che è e resterà un fornitore di fibra all’ingrosso, può quindi solo voler dire – si legge su A&F – che in Italia Sky inizierà ad offrire in un pacchetto unico i suoi contenuti di pay tv e la connessione in ultra broadband nelle città e nelle aree in cui c’è l’Ftth di Open Fiber. E’ infatti questa la condizione per poter distribuire sulla rete fissa centinaia di canali anche tenuto conto della progressiva migrazione verso le versioni Hd e, in prospettiva, anche 4k che necessitano di un’ampiezza di banda che nessuna architettura di rete mista fibra-rame può garantire.

E’ ancora presto per capire il modello di business che la pay tv guidata da Andrea Zappia potrebbe realizzare in Italia. La nuova strategia andrà ad incrociare le offerte di banda ultralarga degli altri operatori, come Tim, Vodafone e Wind3, ma – secondo A&F – in che misura e in che tempi è difficile ancora da stabilire.

E’ difficile comunque ipotizzare che, nel caso, Sky avvierebbe una massiccia campagna per spostare i suoi quasi 4,8 milioni di abbonati italiani dal satellite alla fibra. Per A&F è più probabile che la pay tv del gruppo Murdoch voglia invece affiancare le due tecnologie ancora per un lungo periodo. Ma sta di fatto che gli sviluppi più importanti arriveranno dalla fibra ottica. Lo stesso accordo Sky-Netflix, che dal prossimo anno porterà i contenuti della streaming tv di Reed Hastings sui nuovi decoder Q non potrà certo realizzarsi via satellite. Tanto più che dopo l’accordo con Netflix sarebbe in arrivo anche quello con Amazon Prime Tv.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

O
open fiber
S
Sky

Articolo 1 di 5