Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

LA CESSIONE

TI Media, a settembre le tv nella newco La 7 srl

In vista della vendita delle attività televisive, le emittenti del gruppo saranno conferite in una nuova azienda dove migreranno anche i dipendenti

02 Lug 2012

P.A.

Telecom Italia Media conferirà le sue tv nella newco La 7 srl il primo settembre, secondo quanto apprende Radiocor. La decisione si ascrive nel piano della controllante Telecom Italia di dismettere le attività ‘non core’ e concentrarsi sulle telecomunicazioni. In concomitanza con il conferimento, i dipendenti di Telecom Italia Media che saranno trasferiti in La 7 proseguiranno nel loro rapporto di lavoro con lo stesso trattamento economico e normativo di cui godono.

Sulla strada della dismissione delle tv, il cda di Telecom Italia Media del 28 giugno ha già assunto alcune decisione di riorganizzazione. L’amministratore delegato Giovanni Stella ha lasciato la sua carica per restare consigliere di Telecom Italia Media, particolarmente focalizzato sulla gestione, e valorizzazione, degli asset televisivi. Finora, aggiunge Radiocor, sono arrivate una quindicina di manifestazioni di interesse per le tv di Telecom.

C’è chi sostiene che La7 più che a un altro gruppo italiano (da tempo circola la voce dell’Espresso di Carlo De Benedetti che sarebbe interessato solo ai multiplex di T. I..Media) potrebbe finire in mano a un investitore straniero, meglio se del settore. Tra i broadcaster esteri che hanno manifestato un certo interesse per l’emittente ci sono, come già anticipato da MF-Milano Finanza, la tv del Qatar, Al Jazeera, e l’americana Discovery Channel. E se per il big Usa l’acquisto di La7 significherebbe un consolidamento della presenza in Italia, dove tra canali digitali e satellitari ha superato il 2% di share, per la tv voluta dall’emiro del Qatar, Hamad bin Khalifa Al Thani, si tratterebbe dell’ultimo dei tasselli della campagna d’Europa che è partita da qualche anno

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link