Twitter pronta al debutto nelle criptovalute: battezzato un team ad hoc - CorCom

SCENARI

Twitter pronta al debutto nelle criptovalute: battezzato un team ad hoc

Il nuovo gruppo sarà impegnato nel “valorizzare il settore impostando una strategia per il futuro”. Lavorerà con la squadra Bluesky, che creerà lo standard per decentralizzare i social network

11 Nov 2021

Veronica Balocco

Nasce il team di Twitter dedicato alle criptovalute. Il gruppo si chiama Twitter Crypto e sarà guidato dall’ingegnere donna Tess Rinearson, che ha postato proprio sul social il suo nuovo incarico.

Con una dichiarazione al Financial Times, un portavoce ha spiegato che il team di Crypto sarà impegnato nel “valorizzare il settore delle criptovalute, impostando una strategia per il futuro di Twitter”. “In primo luogo, esploreremo come possiamo supportare il crescente interesse tra i creatori nell’utilizzo di app decentralizzate per gestire beni e valute virtuali – ha puntualizzato Rinearson -. Andando oltre, vogliamo capire come gli appassionati di criptovalute possono aiutarci a sbloccare nuove funzionalità, che abbiano a che fare con dati, beni digitali e molto altro”.

Bitcoin su Square

Dorsey, da sempre estimatore delle criptovalute e in particolare dei bitcoin, ha integrato proprio la moneta digitale in Square, l’app di pagamenti che ha lanciato a marzo di quest’anno. Nel futuro di Twitter ci sono anche i token non fungibili, gli Nft, oggetti da collezione digitali che sono esplosi in popolarità nel 2021 e che alcuni utenti dei social utilizzano come immagine del profilo.

WHITEPAPER
Come garantire una customer satisfaction al passo con i tempi?
CRM
Marketing

Twitter Crypto lavorerà a stretto contatto con Bluesky, un gruppo indipendente fondato nel 2019 dal fondatore e amministratore delegato del social network, Jack Dorsey, con lo scopo di creare uno standard per decentralizzare i social network, ossia per consentire alle piattaforme di utilizzare soluzioni software, come gli algoritmi, basati su progetti a codice aperto e non solo quelli odierni, nelle mani di pochi colossi, che possono controllarne il comportamento. Questo dovrebbe dare maggiore accuratezza nella gestione di fake news e atti di cyber bullismo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5