Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'ANALISI

Social network, boom delle community neofasciste: sono più attive dei partiti

A quota 223mila i follower di Forza Nuova a fronte dei 207mila del PD e dei 162mila di FI. Su Facebook rilevata una media di 92 commenti, 1150 like e 445 condivisioni per ogni post. In crescita anche Casa Pound. L’analisi de IlSocialPolitico.it

18 Set 2017

Federica Meta

La propaganda neofascista trova un terreno fertile sul web, con una community di utenti più ampia e coinvolgente di quella dei partiti tradizionali. Il fenomeno emerge da un’analisi con cui IlSocialPolitico ha monitorato per una settimana le pagine facebook, i post, i like e i commenti riferibili ai movimenti politici italiani che si avvicinano ad un’ideologia neofascista.

Dall’analisi si è visto che Forza Nuova e CasaPound, al 13 settembre, mostravano un seguito di utenti digitali più ampio di quelli dei principali partiti italiani: 228.950 persone per Forza Nuova, 219.978 per CasaPound, rispetto ai 207.778 follower del Partito democratico e i 161.852 di Forza Italia. Oltre al numero dei follower, Questi gruppi facebook riescono ad ottenere anche un livello di coinvolgimento con gli utenti digitali particolarmente significativo. Sugli ultimi 100 post pubblicati nella fanpage di Forza Nuova si è osservata una media di 92 commenti, 1.152 like e 445 condivisioni per singolo messaggio.

La fanpage del Movimento 5 stelle, forza politica che proprio sul web ha costruito il suo successo, sugli ultimi 100 post ha ottenuto invece una media di 85 commenti, 775 like e 422 condivisioni. Il monitoraggio è stato realizzato durante i giorni precedenti al primo via libera alla Camera alla proposta di legge (prima firma di Emanuele Fiano, Pd) che introduce le modifiche all’articolo 293 Codice penale, concernente il reato di propaganda del regime fascista e nazifascista. “Questi numeri ci danno la presa plastica di quanto sia virale la propaganda nera sul web – spiega il cofondatore de IlSocialPolitico Guido Petrangeli – La community degli attivisti è molto ampia, con un livello di coinvolgimento elevatissimo, che mostra i suoi picchi quando ci si trova davanti a post dedicati ai temi dell’immigrazione”.

Qualche settimana fa dalla pagina facebook di Forza Nuova era stata annunciata l’idea di una riedizione della marcia su Roma, con il risultato di ottenere una forte visibilità sulla rete. Nella giornata di giovedì 7 settembre #MarciasuRoma è stato per alcune ore l’argomento più discusso nella twitter-sfera italiana, rientrando a fine giornata nella nella top ten degli hashtag più virali.

“Ma Forza Nuova e Casa Pound sono solo la punta di un iceberg costituito da una moltitudine di pagine e gruppi facebook che si rifanno totalmente all’ideologia fascista – aggiunge Petrangeli – questi gruppi non si limitano a una propaganda nostalgica, ma intervengono sui principali fatti di cronaca principali fatti di cronaca. Si dedicano al merchandising di cimeli fascisti. E spesso rilanciano i propri post a vicenda”. Si tratta di gruppi come “Fascisti Uniti per l’Italia”, “Fascisti Italiani”, “Essere fascista non è reato” e “Benito Mussolini Duce d’Italia”. Monitorando soltanto i 10 tra i più popolari di questi gruppi, IlSocialPolitico ha misurato una community di oltre 500mila fan digitali.

Argomenti trattati

Approfondimenti

F
facebook
S
social
S
socialpolitico.it
T
twitter