Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

AGENDA DIGITALE

“Cittadinanza digitale” sotto schiaffo, non decolla nemmeno la Cie 3.0

Prezzi troppo elevati per i cittadini, conflitti non risolti con Spid e il caos Anagrafe Unica tengono in ostaggio la carta di identità elettronica. Solo 300mila i cittadini dotati di carta di identità elettronica da quando è ripartito (per la terza volta) il progetto, a luglio 2016

16 Mar 2017

Federica Meta

Non decolla la carta di identità elettronica (Cie). Da luglio 2016 – mese in cui i Comuni potevano iniziare il rilascio – sono 300mila i cittadini di 199 città ad essere dotati di smart card. A questi si aggiungono i 4 milioni rilasciate negli anni precedenti. Poco se si pensa che l’obiettivo del progetto – rilanciato a gennaio 2016 – è quello di coprire tutto il territorio nazionale nel 2018. E arrivare così nel giro di 8-9 anni a sostituire tutto il cartaceo, a ritmi di 7-8 milioni di tessere all’anno.

Per ora la sperimentazione procede a ralenti. A frenare i costi della Cie molto più cara di quella cartacea: la smart card pesa sulle tasche dei cittadini circa 22 euro a fronte dei poco più di 5 euro dell’altra. Per l’operazione “Cie 3.0”, come la chiamano al ministero della PA, il governo Renzi aveva stanziato 65 milioni nel quinquennio 2016-2021, rinnovabili per analogo periodo. In totale, circa 130 milioni nel decennio.

Altro ostacolo riguarda l’organizzazione dei Comuni che non riescono ancora ad attrezzarsi. Per questo motivo lo scorso 8 marzo il ministero dell’Interno ha inviato un questionario alle PA per l’acquisizione dei dati necessari all’emissione della nuova Carta d’identità elettronica, sollecitando a compilare il modulo online “con la massima urgenza”. Le informazioni che dovevano essere trasmesse entro il 7 novembre scorso sono infatti propedeutiche all’attività di dispiegamento della postazione per l’emissione del nuovo documento.

C’è poi la questione legata al rapporto con Spid. C’è rischio che pin unico e carta di identità elettronica vadano a “sbattere”? “Lo Spid consta di due fasi. La prima di identificazione dell’utente e di rilascio del pin unico, per la quale è prevista anche una modalità fisica ovvero il provider ha bisogno di “vedere” il richiedente – spiega Alessandro Perego, responsabile scientifico degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano – Si tratta però di una modalità costosa e difficoltosa. In questo quadro la Carta di idenità elettronica potrebbe agire da facilitatore consentendo un riconoscimento immediato e più sicuro”. È dunque nella seconda fase che identità digitale e carta elettronica potrebbero andare in conflitto. “La seconda fase di Spid – puntualizza Perego – è quella che possiamo chiamare di autenticazione per l’uso dei servizi e al livello tre dell’identità digitale, quello più alto, è stata pensata una funzione di riconoscimento che, dunque, confligge con la carta elettronica. Vedremo se e come questa zona d’ombra andrà eliminata”.

Per quanto riguarda i numeri, a un anno dal lancio sono infatti circa 3.700, su 23 mila PA, gli enti pubblici che offrono almeno un servizio online fruibile con Spid. I servizi disponibili sono per l’esattezza 4.273. Il dato positivo è che le identità digitali rilasciate, soprattutto negli ultimi mesi, sono aumentate, raggiungendo quasi quota 1,3 milioni (l’obiettivo, per fine 2016, era però di 3 milioni).

Oltre alla relazione con lo Spid, a preoccupare gli esperti anche il tema della gestione del dato. Il rilancio della Carta digitale avviene in concomitanza con uno dei progetti abilitanti della PA digitale: l’Anagrafe Unica della popolazioe residente (Anpr). “I Comuni dovranno far migrare i dati sull’Anagrafe Unica della popolazione residente (Anpr) – ricorda Paolo Colli Franzone, responsabile scientifico dell’Osservatorio Netics e tecnologo – Si tratta di un processo lungo e complesso nel quale si stanno rilevando non pochi problemi di armonizzazione e normalizzazione delle informazioni”. Che significa? Che i Comuni saranno prioritariamente impegnati in queste operazioni. “Ci vorranno due anni, almeno per le PA più grandi, per passare su Anpr – prevede l’esperto – Pensare di rilasciare la Cie senza prima aver terminato questo processo è folle”.

È tutto il sistema della cittadinaza digitale che arranca. Su Anpr ci sono appena due Comuni (Bagnacavallo e Lavagna). A causare l’impasse le modalità di migrazione: se tramite applicativo (gratuito) Sogei oppure integrando i software già in uso nelle PA con i web services sviluppati dalle software house.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link