Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA DONAZIONE

Coronavirus, Jack Ma dona 14,5 milioni di dollari

Dopo la Melinda e Bill Gates Foundation, tocca al fondatore di Alibaba scendere in campo per contribuire ad affrontare l’emergenza

31 Gen 2020

Antonio Dini

Dopo la Melinda e Bill Gates Foundation e dopo decine di altri ricchissimi del mondo tech, soprattutto ma non solo in Cina, anche il fondatore di Alibaba Jack Ma ha deciso di donare 14,5 milioni di dollari per combattere il coronavirus, la malattia virale che sta mietendo vittime in Cina.

Prima di lui già altri personaggi famosi del settore tech cinese hanno contribuito, dando una mano non solo simbolicamente alla ricerca di un vaccino. Da Pony Ma, fondatore di Tencent, a Didi Chuxing che ha creato l’anti-Uber cinese, da Robin Li di Baidu ai fondatori di ByteDance che sono anche i proprietari di TikTok.

È una gara alla solidarietà che Jack Ma ha preso sul serio: oltre a 100 milioni di yuan, pari a 14,5 milioni di dollari, l’uomo ha infatti anche creato un fondo da un miliardo di yuan (145 milioni di dollari) per creare e condividere ricerca sulla intelligenza artificiale con lo scopo di aiutare i ricercatori di tutto il mondo a combattere il virus.

La mappa in real time sulla diffusione del coronavirus

I ricercatori della Johns Hopkins Whiting School of Engineering hanno creato un online dashboard che mostra l’andamento giornaliero delle infezioni da coronavirus a livello globale.

Il 2019-nCoV (nome ufficiale del virus), che si ritiene abbia avuto origine nella città di Wuhan, in Cina, si sta ormai diffondendo in tutto il mondo: oltre alla Cina sono riportati casi in Tailandia, Giappone, Stati Uniti, Canada, Francia, Germania, Australia. In Italia – è cronaca di queste ore – una nave da crociera è stata fermata nel porto di Civitavecchia per i controlli sanitari su due cittadini di Hong Kong, mentre gli italiani che saranno rimpatriati dalla Cina verranno sottoposti al protocollo di emergenza e messi in quarantena.

Il cruscotto digitale della Johns Hopkins aggrega dati delle maggiori organizzazioni sanitarie mondiali, come Oms, Cdc, China Cdc, Ecdc e altre.

I dati sono divisi per paese e per provincia. Basta cliccare sul paese o l’area prescelta per leggere – se ci sono – il numero di casi confermati, di decessi e di guarigioni.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5