Sanità digitale, tre startup italiane alle semifinali di Eit Health Catapult  - CorCom

IL CONTEST

Sanità digitale, tre startup italiane alle semifinali di Eit Health Catapult 

Recornea, Heaxel e Addax Biosciences superano la prima selezione del contest che assegna l’Audience Award Winner e visibilità alla Torre Nasdaq. In palio un programma di mentoring e finanziamento da 210mila euro

24 Nov 2021

L. O.

Sono Recornea, Heaxel e Addax Biosciences le tre startup italiane qualificate alle semifinali dell’Eit Health Catapult, la competizione europea riservata a soluzioni sanitarie innovative. In palio un programma di mentoring e fondi per 210mila euro.

Come funziona l’Eit Health Catapult

Il processo di selezione ha riguardato centinaia di candidature e ha individuato le 42 migliori startup nell’Unione europea, che coprono le tre aree di Biotech, MedTech e Digital Health. Le startup selezionate avranno la possibilità di accedere ad un mentoring intensivo di due giorni e potranno ottenere supporto per ottimizzare il loro modello di business. I team saranno affiancati da mentori e in occasione delle semifinali che si terranno online tra l’1 e il 3 dicembre, si presenteranno davanti ad una giuria di investitori che selezioneranno i finalisti della competizione: le 21 startup con le migliori idee di business saranno ammesse alla finale e i vincitori di ciascuna delle tre categorie riceveranno premi in denaro oltre ad ottenere l’accesso all’Eit Health Investor Network. Infine, il team che riuscirà ad aggiudicarsi l’Audience Award Winner sarà esposto alla Torre Nasdaq.

WHITEPAPER
Quali sono i diversi approcci al Design Thinking e quali benefici producono?
CIO
Open Innovation

Un trampolino per la sanità innovativa in Italia

“L’Italia ha un grande potenziale in termini di start-up e il risultato ottenuto lo dimostra – dice Chiara Maiorino che rappresenta Eit Health in Italia -. L’impegno di Eit Health nel promuovere bandi di finanziamento e programmi di mentoring è costante ed è un’incredibile risorsa per lo sviluppo dell’ecosistema italiano nonché per l’innovazione del settore sanitario del Paese”.

Ecco chi sono le tre startup italiane

Heaxel: offre a medici e terapisti la possibilità di fornire una riabilitazione intensiva ai pazienti neurologici, consentendo il continuum delle cure dopo essere stati dimessi dall’ospedale. Heaxel ha ideato Icone, il primo robot autorizzato anche per l’uso extra-ospedaliero, che permette la creazione di una rete di robot connessi al cloud sul territorio, garantendo l’assistenza continua al paziente. Fondata nel 2018 da uno spin-off universitario, Heaxel ha raccolto finora 4 miliardi da VCs e punta ad ottenere 8 miliardi per lo scaleup.

Addax Biosciences: la startup propone di sostituire la formalina con il glyoxal acid free, un prodotto brevettato non tossico e non cancerogeno. La missione di Addax è la rimozione della formalina dagli ospedali e dai centri di ricerca di tutto il mondo e a raccogliere 1,5 miliardi.

Recornea: è nella fase pre-clinica di sviluppo di impianti per il trattamento delle malattie degli occhi. Il suo primo prodotto è un impianto di cornea a base di nitinolo per rimodellare le cornee deformate nelle persone che soffrono di cheratocono. La startup si rivolge ad un mercato del valore stimato di 400 milioni di dollari solo in Ue e Stati Uniti.

Gli obiettivi della competizione

Dal 2016 Eit Health Catapult ha supportato 231 aziende, di cui il 98% è ancora in attività. Più di 400 investitori e 3.000 professionisti del settore sanitario sono stati coinvolti nel programma. Il concorso è anche una grande opportunità per gli stakeholder del settore per conoscere un gruppo selezionato di start-up europee pronte a investire e desiderose di collaborare con partner esperti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5