Gli innovatori italiani della PA: tre i vincitori del premio "Rompiamo gli schemi" - CorCom

FORUM PA 2021

Gli innovatori italiani della PA: tre i vincitori del premio “Rompiamo gli schemi”

Sul “tappeto rosso” i promotori di iniziative che sono riusciti a ribaltare metodi standard a favore di nuovi processi. Il direttore Dominici “La pubblica amministrazione ha bisogno di cambiare mentalità e abitudini. E in questo sono fondamentali le persone”

24 Giu 2021

L. O.

Sono Laura Biancato, Dario Ciccarelli, Maria Carmela Pugliese i tre vincitori del premio “Rompiamo gli schemi” assegnato nell’ambito di Forum PA 2021 da Fpa, società del Gruppo Digital360, per valorizzare gli innovatori del mondo pubblico e privato, che – unendo competenza, idee e spirito di iniziativa – sono diventate motore di cambiamento all’interno delle organizzazioni in cui lavorano, scegliendo soluzioni fuori dagli schemi.

Riconoscere il “pensiero laterale”

“Alla PA italiana oggi servono persone con la giusta motivazione e voglia di cambiare, persone dotate di creatività e in grado di adottare un “pensiero laterale”, di uscire quindi da schemi consolidati e trovare soluzioni nuove per rispondere alle sfide che abbiamo di fronte e a quelle che si presenteranno nei prossimi anni. Con questa iniziativa – spiega Gianni Dominici, dg di FPA – abbiamo voluto dare voce e risalto proprio a queste persone, che hanno messo da parte procedure standard consolidate per favorire l’innovazione, spinte da determinazione e voglia di migliorare, superando la logica del ‘faccio così, perché si è sempre fatto così’. La PA italiana ha bisogno di cambiare mentalità e abitudini. E in questo sono fondamentali le persone”.

WHITEPAPER
Come è cambiato in Italia il quadro normativo dei pagamenti digitali verso la PA?

Chi sono i 3 premiati

Ecco nel dettaglio l’identikit dei 3 premiati.

Laura Biancato, dirigente scolastico presso l’Istituto Tecnico Economico e Tecnologico Luigi Einaudi di Bassano del Grappa (VI), “ha profondamente innovato gli standard dell’istruzione superiore – si legge in una nota -, a partire dall’introduzione nella sua scuola di spazi di co-working e relax per studenti e docenti, nuovi laboratori per le materie Stem e per nuovi indirizzi (robotica, geotecnica, costruzioni) e nuovi strumenti digitali, come iPad e monitor touch con sistemi di mirroring per le lezioni. Ha previsto un supporto agli studenti con fragilità, con un team di quattro esperti, tra psicologi e counselor, sportelli di ascolto e azioni nelle classi. Nel programma scolastico ha inserito le soft skills, che i ragazzi sperimentano con lavori in gruppo e public speaking, più autoanalisi di sé e del proprio progetto di vita”.

Dario Ciccarelli, dirigente presso il ministero dell’Economia e delle finanze, nel 2011 assunse il ruolo di Direttore della Filiale Inps Area nolana di Napoli. “Scoperto che di rado l’Inps ispezionava gli opifici tessili dove spesso lavoravano immigrati irregolari stranieri – si legge nella nota -, è riuscito a innovare i processi di controllo sul territorio, promuovendo la collaborazione tra Inps, forze dell’ordine, Asl e altri enti locali, facendo emergere situazioni illegali sommerse nel distretto tessile, tra cui immigrazione irregolare e truffe in agricoltura. Dal 1° marzo 2012, dopo questa best practice, cooperano nell’Area Nolana-Vesuviana l’Inps, i Carabinieri, l’Asl e l’Arpac, la GdF, la Polizia di Stato e il Ministero del Lavoro”.

Maria Carmela Pugliese, funzionario tributario incaricato P.O. presso l’Ufficio Tributi del Comune di Martina Franca (TA), dopo aver rilevato nell’ufficio di cui è capo “mancanza di organizzazione, procedure obsolete, prassi disfunzionali e scarsa consapevolezza degli obiettivi – si legge nella nota – ha intervistato tutti i collaboratori per conoscerne ruolo, aspettative, conoscenze tecniche e propensioni. E su questa base ha elaborato il progetto “Un’Amministrazione intelligente – lavorare meglio con meno”, che ha standardizzato, programmato e calendarizzato le attività, abolendo le prassi inadeguate e inserendo strumenti di monitoraggio. Ha poi digitalizzato i servizi con pagoPA, PEC, QRcode, sportello telematico “linkmate” e video call su richiesta per l’assistenza al contribuente. Sono state introdotte anche riunioni dedicate alla crescita consapevole del personale per renderlo partecipe e propositivo, debellando qualsiasi forma residua di responsabilità diffusa”.

Gli altri finalisti

Monica Cavallini, Project Manager presso Liguria Digitale SPA, ha realizzato un progetto per innovare il sistema scolastico ligure. Ha creato un Osservatorio per documentare il trend dell’innovazione nella scuola e misurare i risultati ottenuti, affiancato da una Mappa pubblica per i cittadini che oggi conta oltre 3.370 progetti.

Simona Cortona, Responsabile della comunicazione presso il Comune di Perugia, ha ideato la campagna di comunicazione innovativa #FannepArte, per promuovere i monumenti di Perugia da restaurare e preservare. Il progetto è nato per supportare ArtBonus, un credito d’imposta per le erogazioni liberali in denaro a favore della cultura e dello spettacolo, che mira a favorire il mecenatismo culturale dei cittadini. Negli ultimi due anni il Comune di Perugia ha vinto due volte il concorso nazionale promosso dal MIBACT come progetto dell’anno ArtBonus. E ad oggi 499 mecenati hanno sostenuto il restauro dei monumenti di Perugia, donando 1.973.695 euro.

Roberto Crosta, Segretario generale Camera di Commercio di Padova, ha ideato un progetto per migliorare il benessere organizzativo all’interno della Camera di Commercio di Padova, un modello che favorisce il coinvolgimento ed una gestione più snella di attività e responsabilità. Si tratta di un approccio di tipo partecipativo, che include tutto il personale, per far fronte alle criticità organizzative sempre più evidenti, ulteriormente aggravate dallo smart working e dal lavoro ibrido imposti dalla pandemia.

Antonio Parrilla, Funzionario della Presidenza del Consiglio dei Ministri: la motivazione di Parrilla nasce dalla volontà di contrastare l’“infodemia”, che rende il cittadino incapace di selezionare l’autorevolezza delle fonti esponendolo alle notizie false. Dopo aver conseguito un Master di secondo livello in “Protection against CBRNe events” all’università di Tor Vergata, ha pubblicato il libro “How the Communication of CBRNe Events Changes in the Era of Social Media and Fake News”. Al momento, Parrilla ha intenzione di proporsi come docente alla PA per fornire al personale le informazioni necessarie per essere resilienti di fronte a nuove emergenze.

Paolo Rellini, Responsabile Operativo e Cofondatore presso Regusto, durante l’emergenza sanitaria ha messa al servizio delle Pubbliche Amministrazioni, delle aziende e degli enti non-profit la start up innovativa Regusto (che opera nella prevenzione e riduzione degli sprechi nell’ambito dell’economia circolare) per l’approvvigionamento dei beni di prima necessità alle fasce più fragili. Ha creato SpesaSospesa.org, progetto basato su una campagna di fundraising che ha raccolto oltre 800.000 euro. La piattaforma nel 2020 ha transato 382.000 kg di prodotti, equivalenti a 658.000 pasti, con un risparmio di 24.000 kg di CO2 ed un supporto concreto a 10.000 persone.

Elena Stefani, Funzionario amministrativo presso Gallerie Estensi – Ministero della Cultura, nel 2017 ha acquistato a sue spese un dominio e creato il blog www.funzionarioamministrativo.it, in cui pubblica articoli relativi ai problemi quotidiani dei funzionari amministrativo-contabili dei Ministeri e degli Enti Locali.  Col tempo, il blog – che aveva immaginato per un’audience di una dozzina di colleghi – è diventato un punto di riferimento nazionale: 53 guide scaricabili, oltre 1200 iscritti attivi alla newsletter, da 2000 a 12000 page views al giorno nei giorni lavorativi.  Si tratta di una formazione gratuita, pratica e libera.

Angelo Tanese, Direttore Generale Asl Roma 1, ha creato una piattaforma multicanale per gestire le priorità dell’emergenza pandemica nella Asl, un sistema non frammentato che risponde ai diversi bisogni dei pazienti. La piattaforma integra un gran numero di funzioni, tra cui la gestione dei test diagnostici, il telemonitoraggio domiciliare dei pazienti in isolamento fiduciario, l’automatizzazione della campagna vaccinale e l’invio di avvisi automatici agli assistiti, fino alla gestione buoni spesa celiachia, l’adesione agli screening oncologici, l’implementazione del call center, del contact center URP e del call center dedicati.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

G
Gianni Dominici

Aziende

D
Digital360
F
Fpa

Approfondimenti

"
"Rompiamo gli schemi"
F
forum pa 2021

Articolo 1 di 4