Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Madia: “Ritardo inaccettabile sulla digitalizzazione”. PA a rapporto dal ministro

Secondo quanto risulta al Corriere delle Comunicazioni il ministro ha inviato una missiva a una serie di PA e ministeri. Fissato al 5 agosto l’incontro in cui dovranno essere presentati i singoli piani d’azione sul digitale

30 Lug 2014

Alessandro Longo

Partono i lavori del nuovo corso di governance per l‘Agenda digitale. E’ possibile interpretare così la “chiamata alle armi” che Marianna Madia ha fatto nei giorni scorsi in forma di lettera mandata a varie amministrazioni, fissando un incontro il 5 agosto. La ministra della pubblica amministrazione e responsabile dell’Agenda ha chiesto di preparare una serie di proposte con cui sarebbe possibile risparmiare sulla spesa pubblica grazie al digitale e quindi di illustrarle in quella sede.

Tra i destinatari della lettera, ci sono sono alcuni ministeri (Interni, Sviluppo economico) e agenzie (come l’Agenzia delle Entrate). Non ci sarebbe il ministero della Sanità, tra quelli chiamati a raccolta, e il motivo sarebbe un accordo secondo cui i risparmi conseguiti in quest’ambito grazie al digitale dovranno essere reinvestiti nella stessa Sanità.

“Il nostro paese sconta un ritardo non più accettabile sulla digitalizzazione, nel momento in cui la razionalizzazione della spesa è un’esigenza sempre più pressante”, esordisce Madia nella lettera. Si dice “consapevole” dell’impatto positivo che la digitalizzazione può avere sulla spending review. Chiede quindi ai destinatari di indicare “un referente dell’amministrazione che illustri quali azioni a breve e medio termine possano contribuire a ridurre la spesa pubblica”. Sono proposte di azione che Madia armonizzera in un piano per l’Agenda digitale, con il supporto dell’Agenzia per l’Italia Digitale e il Comitato d’Indirizzo (per cui però è pendente la registrazione delle recenti nomine).

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
agenda digitale
M
madia

Articolo 1 di 3