INNOVAZIONE

Non solo Spid, adesso ai servizi Inps si accede (anche) con la Cie

Grazie alla collaborazione con Poligrafico e Zecca dello Stato, ai cittadini dotati della nuova carta di identità elettronica, è consentito utilizzare il Portale dei Pagamenti, verificare la posizione contributiva o previdenziale e consultare il cedolino della pensione

24 Gen 2020

F. Me.

Accedere ai servizi per i lavoratori, utilizzare il Portale dei Pagamenti, verificare la propria posizione contributiva o previdenziale, consultare il cedolino della pensione. Sono solo alcuni dei servizi online dell’Inps accessibili da oggi, grazie alla collaborazione tra l’Inps e il Poligrafico e Zecca dello Stato (Ipzs), ai milioni di cittadini italiani, già in possesso della Carta d’Identità Elettronica 3.0, il documento rilasciato dal ministero dell’Interno e prodotto dal Poligrafico.

“E’ un importante sviluppo di nuove utilità per tutti i cittadini italiani in possesso dell’innovativo documento d’identità, realizzato con grande impegno dal Poligrafico nostro partner, che potranno così usufruire delle prestazioni disponibili in rete con il massimo livello di sicurezza”, spiega Luciana Lamorgese, ministra dell’Interno.

“La nostra azienda è orgogliosa di dare il proprio contributo alla digitalizzazione della Pubblica Amministrazione – sottolinea Paolo Aielli, Ad del Poligrafico e Zecca dello Stato Spa – Con la Carta d’Identità Elettronica il Poligrafico e Zecca dello Stato rappresenta l’avanguardia europea, garantendo interconnessione e massima tutela dei dati personali, grazie alle tecnologie in uso che consentono la realizzazione di un documento tanto innovativo quanto sicuro.”

“Con la Cie – conclude il presidente dell’Inps Pasquale Tridico – vengono ad ampliarsi le modalità attraverso cui il cittadino può accedere, tramite l’apposita area MyInps, ai servizi online dell’Istituto. Mi fa piacere ricordare che Inps è stata la prima amministrazione a consentire l’accesso con Spid ed è tra le prime a consentire l’accesso con la Cie, strumento innovativo con grandi potenzialità”.

Cos’è la carta di identità elettronica

La nuova Carta di identità elettronica è il documento personale che attesta l’identità del cittadino, realizzata in materiale plastico, dalle dimensioni di una carta di credito e dotata di sofisticati elementi di sicurezza e di un microchip a radiofrequenza (RF) che memorizza i dati del titolare. La foto in bianco e nero è stampata al laser, per garantire un’ elevata resistenza alla contraffazione. Sul retro della Carta il Codice Fiscale è riportato anche come codice a barre.

A cosa serve

EVENTO - 2 NOVEMBRE 09:30
Cambiare la Pa per cambiare il paese
PA

Oltre all’impiego ai fini dell’identificazione, la nuova Carta di identità elettronica può essere utilizzata per richiedere una identità digitale sul sistema Spid (Sistema Pubblico di Identità Digitale). Tale identità, utilizzata assieme alla Cie, garantisce l’accesso ai servizi erogati dalle amministrazioni.

Come si ottiene

La nuova Carta di identità elettronica si può richiedere alla scadenza della propria Carta d’identità (o in seguito a smarrimento, furto o deterioramento) presso il Comune di residenza o di dimora. Per velocizzare le operazioni di rilascio è possibile prenotare un appuntamento sul sito www.prenotazionicie.interno.gov.it. Prima di procedere alla prenotazione è verificare se il proprio comune ha attivo il servizio di emissione della CIE.
La Carta è spedita direttamente al cittadino che la riceverà entro 6 giorni dalla richiesta, presso il Comune o presso un indirizzo da lui indicato.
La validità della Carta di identità varia a seconda all’età del titolare ed è di:

  • 3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni;
  • 5 anni per i minori di età compresa tra i 3  e i 18 anni;
  • 10 anni per i maggiorenni.

Il costo della Carta è di euro 16,79 oltre i diritti fissi e di segreteria, ove previsti e comprende anche le spese di spedizione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3