Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA STRATEGIA

PA digitale, Agid e Consip lanciano un “pacchetto” di 13 nuove gare

Messo a punto insieme al team di Diego Piacentini il piano dei bandi per la realizzazione della strategia triennale per l’informatica nella Pubblica amministrazione. Molte saranno utili per fornire soluzioni e servizi innovativi

10 Mag 2018

A. S.

Tredici nuove gare per dotare le pubbliche amministrazioni di servizi e strumenti per mettere in pratica il piano triennale per l’informatica nella PA. A metterle a punto, nel quadro del piano gare strategiche Ict 2018, sono Agenzia per l’Italia digitale (Agid), Consip e Team per la Trasformazione digitale.

La roadmap dovrà arrivare al traguardo, secondo le intenzioni dei promotori, nell’arco dei prossimi tre anni, e riguarda una complessiva evoluzione dei sistemi informativi della PA: ecosistemi digitali, infrastrutture fisiche e immateriali, sicurezza e interoperabilità.

Molte di queste gare, si legge in una nota, sono destinate a fornire soluzioni e servizi ai Poli strategici nazionali, che sono i soggetti pubblici titolari di infrastrutture IT ad alta disponibilità, che saranno qualificati da AgID, una volta completato il censimento in corso, per erogare ad altre amministrazioni servizi informatici evoluti: infrastrutture, disaster recovery, gestione della sicurezza IT.

Ora sulle indicazioni del piano si muoveranno Agid e Consip, lavorando in un gruppo congiunto, per definire requisiti fondamentali e obiettivi minimi. Successivamente spetterà a Consip mettere a punto la strategia di gara e la relativa documentazione, che dovranno essere approvate da Agid, e a gestire l’iter di aggiudicazione, la stipula dei contratti e la loro gestione.

Tra gli obiettivi da raggiungere con i nuovi bandi, spiegano Consip e Agid, che quello di favorire l’apertura del mercato alle Piccole e Medie Imprese (Pmi) e di ridurre la durata dei contratti, per consentire una verifica continua dell’adeguatezza dei servizi offerti e della loro rispondenza alle esigenze del committente. Tra le altre novità c’è anche l’introduzione, nel capitolato di ogni gara, spiega il comunicato, di un codice di condotta tecnologico: un elenco di criteri da rispettare nello sviluppo tecnologico della PA, che stabilisce i principi ispiratori con cui sviluppare le tecnologie a servizio della Pubblica Amministrazione.

Il nuovo pacchetto di gare (qui il dettaglio) si aggiunge a quelle già in corso di sviluppo, sempre congiuntamente tra Consip e Agid: evoluzione del Sidi (Sistema informativo dell’Istruzione) e del Nsis (Sistema Informativo del Ministero della Salute), lo sviluppo dei Servizi specialistici di supporto al ‘’piano di trasformazione digitale’’ della PA e alle soluzioni per la realizzazione degli obiettivi dell’Agenda digitale e del Piano triennale già esistenti, ovvero: i contratti quadro Spc -Sistema Pubblico Connettività (Servizi di connettività, Servizi Cloud, Identità digitale e sicurezza, Cooperazione applicativa, Portali e servizi on line), SgiSistemi Gestionali Integrati.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5