Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

PA DIGITALE

Prato primo Comune italiano a “parlare” cinese: aperto il profilo ufficiale su WeChat

Attivo da oggi l’account sull’applicazione di messaggistica che con i suoi 980 milioni di utenti è la più usata dalla comunità cinese nel mondo. Il servizio funzionerà solo in modalità broadcast

09 Mag 2018

Il Comune di Prato parla sui social. In cinese. E’ attivo da oggi il profilo WeChat ufficiale dell’amministrazione: si tratta del primo Comune in Italia ad attivare un account sul social network maggiormente diffuso nella comunità cinese.

WeChat è un’applicazione multifunzione che funziona su tutti i modelli di smartphone e verrà utilizzata per la diffusione di informazioni di pubblica utilità in lingua italiana e cinese, come avvisi sui servizi pubblici, sulle iscrizioni a scuola, sugli eventi culturali, per le allerte meteo e per altre notizie utili per chi vive a Prato.

“La decisione del Comune di aprire un profilo su WeChat nasce dall’esigenza di potenziare la comunicazione pubblica dell’ente, puntando a raggiungere anche le comunità che per particolari caratteristiche linguistiche e culturali non utilizzano i canali tradizionali e i social network su cui il Comune è già presente, come Facebook, Twitter e YouTube”, spiega il vicesindaco Simone Faggi.

WeChat è l’applicazione di messaggistica più usata in Cina e conta circa 980 milioni di utenti attivi in tutto il mondo; a Prato si stima che circa il 10% dei cittadini – almeno 20.000 persone, in maggioranza cittadini cinesi – utilizzi WeChat, tanto che questa app risulta il canale di comunicazione digitale più efficace per comunicare con la comunità straniera più numerosa di Prato.

Il Comune di Prato per adesso attiverà solo le funzionalità di WeChat legate alla messaggistica e al social network “WeChat Momenti”; il servizio funzionerà solo in modalità broadcast, ovvero darà la possibilità ai cittadini di ricevere informazioni, aggiornamenti e di commentare i post, ma non sarà possibile presentare richieste e segnalazioni personali, né verrà utilizzato come chat interattiva tra operatori e cittadini (almeno non in questa prima fase sperimentale). Il profilo WeChat sarà gestito dall’Ufficio Immigrazione del Comune, avvalendosi della collaborazione di mediatori cinesi madrelingua: per questo motivo per il profilo è stato scelto il nome ID “ViaRoma101″, cioè l’indirizzo della sede dell’Ufficio Immigrazione, luogo diffusamente conosciuto dai cittadini cinesi di Prato e noto punto di riferimento per l’accesso ai servizi pubblici in generale.

Il progetto punta a informare i cittadini su tematiche di maggiore rilevanza e utilità sociale, rendere più efficaci le campagne di informazione e sensibilizzazione del Comune, promuovere  la cittadinanza attiva, avvicinare e orientare i cittadini all’interno dei servizi offerti dal Comune, promuovere il rispetto delle norme e del senso civico, il pagamento delle tasse e dei tributi locali, la corretta gestione dei rifiuti, l’osservanza dell’obbligo scolastico, la sicurezza e la legalità, incentivare la partecipazione ad eventi e alla vita pubblica in generale e promuovere il territorio di Prato anche a livello turistico; il target di riferimento del progetto sono i cittadini di nazionalità cinese, i parlanti cinesi in generale o coloro che studiano la lingua cinese, le associazioni e i gruppi italiani e cinesi che operano nel settore dell’intercultura e dell’inclusione sociale delle comunità migranti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

P
prato
W
wechat

Articolo 1 di 5