Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PROGETTO

Servizi digitali, sfida marketing per la PA

Agid elabora le linee guida per la promozione e lo storytelling dell’innovazione. Obiettivo: dotare i comunicatori pubblici di un kit per raccontare la trasformazione dell’amministrazione. A consultazione fino al 23 giugno

04 Giu 2018

Federica Meta

Giornalista

Si apre la sfida “marketing” per la PA digitale. Con l’obiettivo di promuovere le prestazioni innovative dell’amministrazione, l’Agenzia per l’Italia Digitale sta lavorando alla creazione di linee guida per la Promozione dei Servizi Digitali: si tratta di un primo tassello di un percorso nuovo, nato per  di sollecitare e accompagnare le pubbliche amministrazioni nella definizione di strategie di comunicazione, marketing e racconto sempre più rispondenti alla necessità di favorire la conoscenza e l’utilizzo dei servizi digitali da parte di cittadini e imprese.

Le Linee guida – fanno sapere da Agid – sono parte del programma #comunicaitalia che contiene una serie di strumenti a supporto delle pubbliche amministrazioni (linee guida e kit di strumenti grafici) per la definizione di strategie di comunicazione, marketing e racconto sempre più rispondenti alla necessità di favorire la conoscenza e l’utilizzo dei servizi digitali da parte di cittadini e imprese.

Tre le aree tematiche per la promozione dei servizi digitali: Comunicazione (in consultazione fino al 23 giugno), Marketing e Storytelling.

Le linee guida hanno l’obiettivo di sensibilizzare i professionisti della comunicazione alla piena comprensione del proprio ruolo all’interno del percorso di trasformazione digitale dei servizi pubblici e anche fornire asset, ovvero indicazioni strategiche e una cassetta degli attrezzi (kit) con gli strumenti per rispondere ai bisogni di promozione dei servizi offerti dalle amministrazioni.

In consultazione fino al 23 giugno 2018, le linee guida sono indicazioni pensate per definire il perimetro all’interno del quale si svilupperanno le diverse parti del progetto; le altre due sezioni (marketing e storytelling) verranno pubblicate al termine della consultazione in modo da poter approfondire in maniera dettagliata aspetti che in questa prima release vengono solo accennati.

Nell’ottica della collaborazione e dell’aggiornamento continuo le linee guida avranno dei rilasci sempre più rispondenti alle specificità delle azioni e degli strumenti trattati – precisano da Agid – Una prima roadmap dei lavori verrà rilasciata a conclusione della consultazione pubblica.

Al termine della consultazione 23 giugno, verrà pubblicata una prima release del sito di progetto che conterrà gli aggiornamenti delle Linee Guida di Promozione dei Servizi Digitali (comunicazione, marketing e storytelling) e i primi kit promozionali a supporto delle strategie di comunicazione – on e off line – delle singole amministrazioni oltre che delle amministrazioni che aggregano i territori.

La  comunicazione pubblica diventa dunque leva strategica e strumento per la promozione dei servizi digitali e, dunque, l’attuazione delle politiche pubbliche. E proprio in questo quadro di innovazione nella relazione con i cittadini e la stampa va letta anche l’iniziativa dell’associazione PA Social ovvero il PA Social Day in programma il 6 giugno in tutta Italia.

Una giornata dedicata ai temi della comunicazione 4.0 e allo scambio di buone pratiche. In ogni regione si terrà un convegno #pasocial, aperto alla partecipazione di tutti, in cui sarà affrontato e approfondito un tema specifico; tutti gli eventi saranno in contemporanea nonché in diretta su web e social. “L’obiettivo è ampliare il dibattito, sollecitare un confronto, raccogliere idee e proposte, allargare ulteriormente la rete della nuova comunicazione – spiega il presidente Francesco Di Costanzo – Bisogna dare visibilità all’attività che portiamo avanti su tutto il territorio nazionale, sviluppare e incentivare la nascita di nuove esperienze costruendo il lavoro del presente e del futuro”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5