Spid: gli utenti italiani a quota 20 milioni, triplicati in un anno - CorCom

I DATI

Spid: gli utenti italiani a quota 20 milioni, triplicati in un anno

Nel 2020 sono state 144 milioni le autenticazioni ai servizi online di siti e app pubbliche. Nei primi tre mesi 2021 l’identità digitale utilizzata più di 100 milioni di volte 

30 Apr 2021

L. O.

Superano i 20 milioni le utenze dello Spid, il Sistema pubblico di identità digitale: quasi 14 milioni in più rispetto allo scorso aprile. Quest’anno il tasso di crescita settimanale di identità rilasciate è quasi triplicato, annuncia il ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale: da 70mila alle oltre 200mila attuali, sostenuto anche dall’intenso lavoro dei gestori di identità, responsabili dell’attivazione e dell’accesso con Spid per i cittadini.

La corsa delle autenticazioni

Con il rilascio delle identità aumenta anche l’uso. Nel 2020 sono state 144 milioni le autenticazioni ai servizi online di siti e app pubbliche. Solamente nei primi tre mesi del 2021 Spid è già stato utilizzato più di 100 milioni di volte. 

WHITEPAPER
Scopri Digital Workspace: la guida ai servizi gestiti che abilitano lo smart working!
CIO
Dematerializzazione

“Garantire a tutti i cittadini la stessa modalità di accesso ai servizi online è la chiave per la semplificazione dei rapporti tra cittadini e Pubblica amministrazione – fa sapere il Midt -. Spid insieme alla Carta di identità elettronica, è una delle identità digitali che il cittadino può scegliere per utilizzare in qualsiasi momento i servizi online della Pubblica Amministrazione italiana”.

Sia lo Spid che la Carta di identità elettronica rappresentano “un primo passo per offrire, nel solco delle azioni previste nel Piano nazionale di Ripresa e Resilienza – si legge nella nota del mnistero – un’esperienza sempre più semplice nell’accesso ai servizi digitali, in linea con gli ambiziosi obiettivi del Digital Compass Europeo“.

Spid, funzionamento e vantaggi

Lo Spid è composto da una coppia di credenziali (username e password) strettamente personali. L’accesso ai servizi è sicuro e protetto, anche grazie ad ulteriori verifiche di sicurezza, come ad esempio l’invio di una password temporanea (la cosiddetta Otp – one time password) in fase di autenticazione.

L’identità Spid può essere ottenuta dai cittadini maggiorenni in possesso di un documento di identità italiano in corso di validità. Si attiva rivolgendosi a uno dei gestori di identità (identity provider) riconosciuti dall’Agenzia per l’Italia Digitale. Tutte le scelte di attivazione – alcune prevedono un costo di attivazione – sono reperibili sul sito.

Per il cittadino l’identità digitale permette di fruire online di centinaia di servizi diversi – sanitari, fiscali, previdenziali, bonus – con un’unica credenziale, che si attiva una sola volta ed è valida sempre. In questo modo non sarà più necessario ricordarsi decine di password diverse.

Spid e  Carta d’identità elettronica consentono anche l’accesso ai servizi pubblici di 22 stati membri dell’Unione Europea e di imprese o commercianti che le hanno scelte come strumento di identificazione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

M
midt

Approfondimenti

S
spid