Google accusata di maxi-furto di dati iPhone. Ma il giudice rigetta la causa - CorCom

PRIVACY

Google accusata di maxi-furto di dati iPhone. Ma il giudice rigetta la causa

L’Alta Corte di Londra blocca la denuncia di un’associazione di consumatori: nel mirino la raccolta illecita di dati sulla navigazione di 4 milioni di utenti Apple nel periodo 2011-2012. Secondo il tribunale però il “danno” è tutto da dimostrare

08 Ott 2018

“Furto” di dati personali di 4 milioni di utenti iPhone? Può darsi. Ma non è detto che costituisca necessariamente un danno. Ruota intorno a quest’affermazione l’esito della causa intentata contro Google da un’organizzazione di consumatori. Ma che l’Alta Corte di Londra ha bloccato in quanto i fatti dichiarati “non sono sufficienti a dimostrare che ci sia stato un danno”. Le azioni di Google, ha detto il giudice, si configurano verosimilmente come “ingiuste” e in violazione di norme. Ma non è detto che “tutto ciò che accade senza il nostro consenso preventivo provochi necessariamente danni. Alcuni utenti sono propensi a cedere informazioni personali in cambio di offerte personalizzate”.

Finisce così nel nulla, per il momento, la denuncia sporta dall’associazione “Google You Owe Us” (Google, ci devi qualcosa) che aveva richiesto un risarcimento per oltre 4 milioni di utenti sperando di guidare la prima azione del genere nel Paese. In particolare l’associazione ha accusato Google di aver eluso il sistema di sicurezza dell’iPhone e raccolto dati personali tra agosto 2011 e febbraio 2012, bypassando le impostazioni privacy sul browser Safari tra giugno 2011 e febbraio 2012.

“Non c’è dubbio che il presunto ruolo di Google nella raccolta, compilazione e utilizzo dei dati ottenuti tramite Safari fosse illegale “, ha dichiarato il giudice Mark Warby. Tuttavia, ha aggiunto, non ci sono dati sufficienti a supportare l’affermazione secondo cui i consumatori che hanno avviato il giudizio abbiano subito un danno.

WEBCAST
Come sviluppare una sicurezza personalizzata per le esigenze di ogni settore di attività?
Sicurezza

Per i consumatori “il giudizio di oggi è molto deludente e toglie a milioni di persone la possibilità di avere un risarcimento quando i loro dati personali vengono utilizzati in modo improprio”.

Da parte sua, Google ha sostenuto che questo tipo di azione collettiva non presentava elementi congrui e, per questo, avrebbe dovuto essere fermata. Gli avvocati della società californiana, in particolare, avevano sottolineato che non era possibile identificare le possibili vittime e che la richiesta non aveva alcuna possibilità di successo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

A
apple
G
google
P
privacy