IL CASO

Google chiude 40 cause sulla privacy: risarcimenti per 392 milioni di dollari negli Usa

La decisione, già definita “il più grande accordo degli Stati Uniti” in materia, pone fine ad un iter legale iniziato nel 2018. La big tech era accusata di aver ingannato gli utenti che pensavano di aver disattivato il rilevamento della posizione, mentre il motore di ricerca continuava a tracciarli

15 Nov 2022

Veronica Balocco

google-170901130510

Ammonta a 392 milioni di dollari la somma che Google ha accettato di pagare per chiudere le cause legali avanzate dai procuratori generali di 40 Stati Usa, i quali avevano accusato la big tech di aver fornito agli utenti informazioni fuorvianti sulla localizzazione e sulla gestione dei dati personali. Una nota dei procuratori statali fa sapere che Google avrebbe in particolare violato le leggi in materia di tutela dei consumatori, ingannando gli utenti che pensavano di aver disattivato il rilevamento della posizione nelle impostazioni del proprio account, mentre il motore di ricerca continuava a raccogliere questo tipo di informazioni.

La decisione pone fine ad un iter legale iniziato nel 2018. Oltre ai risarcimenti, Google si è impegnata a fornire informazioni di tracciamento più dettagliate ai consumatori a partire dal 2023. Secondo i procuratori generali degli Stati, si tratta del più grande accordo sulla privacy in Internet degli Stati Uniti.

Regole severe in Europa, stallo legislativo negli Usa

“Le piattaforme digitali come Google non possono affermare di fornire controlli sulla privacy agli utenti, quindi girarsi e ignorare tali controlli per raccogliere e vendere dati agli inserzionisti contro i desideri espressi degli utenti e con grande profitto”, ha dichiarato il procuratore generale del New Jersey Matthew Platkin nella nota.

INFOGRAFICA
Data Analytics nelle imprese manifatturiere: come sfruttarla per crescere!
Big Data
Manifatturiero/Produzione

La causa congiunta di 40 Stati è nata nel clima di impazienza per il fallimento delle autorità federali nel regolare i grandi attori tecnologici. I legislatori repubblicani e democratici non sono d’accordo su come dovrebbero essere le norme nazionali sulla privacy online, con furiose pressioni da parte delle società tecnologiche per limitare il loro potenziale impatto. Dal 2018, i giganti dell’ICT statunitensi hanno dovuto affrontare regole severe in Europa, con Google, Amazon e altri soggetti soggetti a pesanti multe per violazioni della privacy. Il caso statunitense, in particolare, è iniziato dopo che un articolo del 2018 dell’Associated Press riportava che Google tracciava gli utenti anche quando avevano rinunciato alla pratica.

In una dichiarazione, Google ha affermato che le accuse si basavano su caratteristiche del prodotto che non erano più aggiornate. “Coerentemente con i miglioramenti che abbiamo apportato negli ultimi anni, abbiamo risolto questa indagine basata su politiche di prodotto obsolete che abbiamo modificato anni fa”, ha affermato la società.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

G
google

Approfondimenti

D
data management
P
privacy
S
sicurezza

Articolo 1 di 5