INNOVAZIONE

Identità digitale, l’Europa accelera sul “wallet” unico: via alla consultazione online

Varata la piattaforma per la raccolta di osservazioni degli Stati membri sulla futura app personale. Obiettivo il lancio del sistema comune entro fine anno

24 Feb 2022

L. O.

identità digitale

La Commissione europea vara una piattaforma online per raccogliere le osservazioni delle parti interessate sui futuri portafogli europei di identità digitale. Una mossa che fa seguito alla proposta del giugno scorso per “un’identità digitale affidabile e sicura per tutti gli europei”, si legge in una nota, comprendente “wallet” di identità digitale.

Cosa si potrà fare con il nuovo “wallet”

I portafogli digitali personali consentiranno ai cittadini di identificarsi digitalmente e di archiviare e gestire i dati identificativi e i documenti ufficiali in formato elettronico (ad esempio la patente di guida, le prescrizioni mediche o i diplomi).

WHITEPAPER
I dati sono il nuovo petrolio, ma vanno PROTETTI. Scopri come nella guida
Big Data
Sicurezza

Con questi portafogli i cittadini potranno dimostrare la propria identità quando necessario per accedere a servizi online, condividere documenti digitali o semplicemente dimostrare un attributo personale specifico, come l’età, senza rivelare la propria identità o altri dati. I cittadini avranno sempre il pieno controllo dei dati che condividono e l’utilizzo del portafoglio sarà del tutto volontario.

Le proposte degli Stati europei

Per garantire che l’identità digitale europea diventi rapidamente una realtà, la Commissione ha invitato gli Stati membri a elaborare un pacchetto di strumenti che affronti gli aspetti tecnici del futuro sistema, nel pieno rispetto delle discussioni legislative in seno al Parlamento e al Consiglio, che si svolgono in parallelo, e in linea con i risultati di tali discussioni. Il pacchetto di strumenti comuni dovrebbe essere pronto a settembre di quest’anno.

La piattaforma online rimarrà aperta alle osservazioni durante i negoziati legislativi e i lavori relativi al pacchetto di strumenti, al fine di rendere i portafogli europei di identità digitale uno strumento pratico per tutti.

Obiettivo dell’Europa

Entro la fine dell’anno la Commissione europea vuole gettare le basi del suo sistema comune di identità digitale. Presentato a giugno dello scorso anno, il progetto di un wallet su cui archiviare le informazioni personali, da condividere di volta in volta solo per lo stretto necessario con enti pubblici o aziende a seconda dei servizi è uno degli obiettivi dei vertici europei.

La app sarà disponibile per tutti i cittadini, i residenti e le imprese dell’Ue. I cittadini potranno dimostrare la propria identità e condividere documenti elettronici dai loro portafogli europei di identità digitale semplicemente premendo un tasto sul telefono. Potranno accedere ai servizi online con la loro identificazione digitale nazionale, che sarà riconosciuta in tutta Europa.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5