Ibm in chiaroscuro: maggior rialzo dei ricavi in tre anni ma utili in calo del 10% - CorCom

LA SEMESTRALE

Ibm in chiaroscuro: maggior rialzo dei ricavi in tre anni ma utili in calo del 10%

Forte crescita del 5% per il comparto del software cognitivo e nel cloud, considerato strategico per il futuro dell’azienda. L’Ad Krishna: “Siamo sulla buona strada per raggiungere il nostro obiettivo di flusso di cassa”

20 Lug 2021

Veronica Balocco

Utili per 2,28 miliardi di dollari, il 10% in meno rispetto ai 2,536 miliardi ottenuti nello stesso periodo dell’anno scorso. Ma, allo stesso tempo, vendite in aumento da 35,694 a 36,474 miliardi di dollari, con un aumento del 2,2% su base annua. E in tutto questo, crescita del 5% del segmento del software cognitivo e del cloud, considerato strategico per il futuro dell’azienda.
Sono i risultati annunciati da Ibm per il primo semestre dell’anno, dati migliori delle previsioni degli analisti, tanto che a Wall Street le azioni della società sono salite del 2,9 per cento a 141,87 dollari. Le entrate, in particolare, sono cresciute del 3% anno su anno nel trimestre: si tratta della crescita più rapida in tre anni.

Ritorno positivo alla crescita

Il calo dei profitti, secondo quanto rilevato, è stato determinato principalmente dagli aggiustamenti fiscali. E anche se l’aumento del fatturato è modesto, rappresenta un ritorno positivo alla crescita, soprattutto dopo aver chiuso un 2020 in cui la tendenza era al ribasso e ha visto i suoi ricavi diminuire fortemente.

WHITEPAPER
Trasformazione digitale: le tecnologie più rilevanti per supportare la crescita delle aziende
Digital Transformation

Gli azionisti dello storico produttore di computer, ora trasformato principalmente in una società di servizi digitali, hanno ottenuto dividendi più bassi rispetto a un anno fa, scesi da 2,83 a 2,52 dollari. I servizi tecnologici globali rimangono la maggiore fonte di entrate di Ibm (35%), anche se sempre più seguiti dal software cognitivo e dal cloud (31,6%) e, a maggiore distanza, dai servizi aziendali globali (23,5%). Il segmento del software cognitivo e del cloud, considerato strategico per il futuro dell’azienda, ha visto una forte crescita del 5%.

“Nel secondo trimestre l’adozione da parte dei clienti della nostra piattaforma cloud ibrida ha contribuito a una forte performance in Global business services e software e ha determinato una migliore crescita complessiva dei ricavi. Allo stesso tempo, abbiamo continuato ad aiutare i clienti a infondere le nostre offerte tecnologiche basate sull’intelligenza artificiale nei loro flussi di lavoro aziendali principali”, ha affermato Arvind Krishna, presidente e amministratore delegato di Ibm. “Siamo soddisfatti dei nostri progressi e rimaniamo ben posizionati per fornire una crescita dei ricavi per l’intero anno e raggiungere così il nostro obiettivo di cassa”.

I risultati nel dettaglio

I ricavi per il semestre conclusosi il 30 giugno 2021 sono stati pari a 36,5 miliardi di dollari, con un aumento del 2% su base annua (in calo dell’1 percento rettificando per attività e valuta dismesse) rispetto ai 35,7 miliardi per i primi sei mesi del 2020. Gli incassi netti sono stati di 2,3 miliardi di dollari, in calo del 10% da un anno all’altro. L’utile diluito per azione è stato di $ 2,52 rispetto a $ 2,83 per azione diluita per il periodo 2020, con un calo dell’11%.
I risultati GAAP per azione includono un impatto ($ 1,58) per azione per gli oneri relativi all’ammortamento delle attività immateriali acquistate e altri oneri relativi all’acquisizione, oneri relativi al pensionamento, impatti sulla riforma fiscale degli Stati Uniti e costi di transazione associati alla separazione di Kyndryl. L’impatto dei costi di separazione di Kyndryl è stato ($ 0,20) per azione.

L’utile netto operativo (non GAAP) per i sei mesi chiusi al 30 giugno 2021 è stato di 3,7 miliardi di dollari rispetto ai 3,6 miliardi di dollari del periodo dell’anno precedente, con un aumento del 3%. L’utile operativo diluito (non GAAP) per azione da operazioni continue è stato di $ 4,10 rispetto a $ 4,02 per azione diluita per il periodo 2020, con un aumento del 2%.

La società prevede di aumentare le entrate per l’intero anno 2021 in base ai tassi di cambio di metà luglio 2021. Inoltre continua ad aspettarsi un flusso di cassa libero rettificato da 11 a 12 miliardi di dollari nel 2021. Le aspettative di flusso di cassa libero rettificato escludono circa 3 miliardi di impatti di cassa dalle azioni strutturali della società avviate nel quarto trimestre del 2020 e dai costi di transazione associati alla separazione di Kyndryl.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3