Boom delle vendite di pc in Europa. E in Italia è record notebook - CorCom

SMART WORKING

Boom delle vendite di pc in Europa. E in Italia è record notebook

L’incremento nelle prime tre settimane di marzo è del 38% anno su anno. I portatili crescono del 51% e nel nostro Paese si sale al +110%

31 Mar 2020

Patrizia Licata

giornalista

Schizzano le vendite di Pc in tutta l’Europa occidentale per effetto del coronavirus che costringe la maggior parte dei lavoratori allo smart working: il volume di computer venduti tramite i maggiori distributori europei è aumentato del 38% anno su anno nelle prime tre settimane di marzo, riporta Context.

L’Italia fa da traino della crescita nel segmento notebook (+110,3%), un dispositivo che è andato letteralmente a ruba dopo l’escalation dell’emergenza sanitaria e le conseguenti misure di contenimento e isolamento. In media l’incremento delle vendite in Europa occidentale è del 51% anno su anno, mentre i desktop sono cresciuti del 9%, sottolinea la società di It market intelligence.

L’aumento è stato maggiore per i prodotti rivolti al mercato business: le vendite di notebook commerciali segnano un  +56% rispetto al +44% dei notebook per il mercato consumer, mentre la crescita anno su anno dei desktop per le aziende è del 16%.

Italia e Spagna primi tra le grandi economie

Analizzando i cinque maggiori mercati dell’Europa occidentale, la crescita delle vendite di notebook è guidata dal nostro paese (+110,3%) anche perché è stato il primo colpito dall’epidemia di coronavirus e il primo a varare severe misure  di contenimento. Segue – non a sorpresa – la Spagna, con un  tasso ci crescita dell’87,1%. Per la Germania l’incremento delle vendite è del 52,4%, per il Regno Unito del 50,3% e per la Francia appena del 5,4%.

360digitalskill
Diventa un leader digitale: crea il percorso per te e il tuo team
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Negli altri mercati, il primato è dell’Irlanda, con vendite di notebook schizzate del 121,7%, seguita da Austria (+56%), Polonia (+51%), Norvegia (+46,2%), Svizzera (+40,7%), Olanda (+35,2%), Danimarca (+32,2%), Portogallo (+26,3%). Svezia (+13%).

Nuovi investimenti dalle imprese

Ovviamente la crescita eccezionale della domanda per i dispositivi per lo smart working ha portato a un impoverimento degli stock di notebook in diversi paesi dell’Europa occidentale. Molte aziende lamentano la difficoltà di  reperire Pc e nelle prossime settimane non andrà meglio, perché le forniture dall’estero subiscono interruzioni sulla catena logistica legate alla pandemia: fornire notebook sufficienti a soddisfare la richiesta di un numero crescente di persone che lavorano, studiano e guardano film o giocano online da casa sarà “una sfida”, secondo Context.

Tuttavia, sottolinea Marie-Christine Pygott, senior analyst di Context, “in molte organizzazioni l’attuale crisi ha probabilmente aumentato la consapevolezza che è necessario fornire soluzioni digitali robuste: ci aspettiamo quindi un aumento degli investimenti in quest’ambito nel lungo termine”.

Cresce tutta la distribuzione It in Italia

Già a inizio marzo Context rilevava una crescita del 12,5% del canale per la distribuzione It in Italia nei mesi di gennaio e febbraio, con le categorie dello smart working e della scuola a distanza che hanno guidato la crescita a causa dell’emergenza coronavirus. Cuffie e microfoni sono schizzati del 362% anno su anno, i  computer portatili sono cresciuti del 36,5%, i tablet del 41,3%, i software per l’ufficio del 60,5%, gli strumenti di sviluppo software dell’89,3%, le unità di memoria di massa SSD del 32%, i software per la sicurezza del 38,8%) e le cartucce di inchiostro dell’8%.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
coronavirus
N
notebook
P
pc
S
Smart Working

Articolo 1 di 2