Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL REPORT

Boom di smart speaker e AI, Cina leader nelle Tlc: ecco i tech trend 2019

Previsioni Deloitte: per il mercato degli altoparlanti domestici previsto un giro d’affari di 7 miliardi di dollari. Intelligenza artificiale pervasiva grazie a servizi cloud-based. In crescita anche quantum computing, stampa 3D e servizi 5G. Il Paese asiatico “re” delle infrastrutture avanzate e della produzione di chip

11 Dic 2018

Patrizia Licata

giornalista

Non solo 5G: il 2019 sarà anche l’anno degli smart speaker e dei sistemi AI. Lo affermano gli esperti di Deloitte nel report di fine anno dedicato alle previsioni per i prossimi dodici mesi dell’hitech. Altro dato chiave: la Cina accrescerà la sua potenza tecnologica.

Deloitte stima che l’anno prossimo saranno venduti 164 milioni di smart speaker. I prezzi scenderanno (la media sarà di 43 dollari) e il mercato vivrà un boom, generando un fatturato complessivo di 7 miliardi di dollari, un incremento del 63% rispetto al 2018. Oggi si calcolano 250 milioni di smart speaker installati nelle case di tutto il mondo.

Ovviamente sarà anche l’anno delle prime reti commerciali 5G: 25 operatori lanceranno nel 2019 servizi di quinta generazione e altri 25 li porteranno sul mercato nel 2020. Attualmente sono 72 le telco che testano l’offerta 5G. Deloitte prevede anche che nel 2019 saranno venduti oltre 1 milione di cellulari 5G; nel 2020 ne verranno acquistati 15-20 milioni.

L’uso dell’AI sarà sempre più pervasivo nelle imprese e il 70% delle organizzazioni che useranno sistemi di intelligenza artificiale lo faranno tramit il cloud. Il 65% creerà applicazioni AI usando servizi di sviluppo cloud-based. Ciò permetterà l’adozione capillare dell’intelligenza artificiale, non più appaggio dei colossi hitech e delle aziende con grandi risorse finanziarie. Nel 2020, il tasso di penetrazione del software enterprise con funzionalità AI e dei servizi di sviluppo di AI basati su cloud sarà rispettivemente dell’89% e dello’83%.

Gli studiosi pensano anche che la Cina nel 2019 possiederà le infrastrutture di telecomunicazione più avanzate e ciò abiliterà nuovi modelli di business digitali. La Cina espanderà anche le sue capacità nella produzione di semiconduttori, con fatturato in crescita del 25% nel 2019 a circa 110 miliardi di dollari, per rispondere alla domanda interna di chip trainata anche dalle tecnologie AI e machine learning.

Nell’industria manifatturiera globale la stampa in 3D conoscerà la consacrazione definitiva, con un ampliamento non solo dell’adozione ma dei materiali che possono essere stampati con la nuova tecnologia e quindi delle applicazioni. Deloitte stima vendite di stampanti, materiali e servizi 3D enterprise per un valore superiore ai 2,7 miliardi di dollari nel 2019.

Grandi opportunità di guadagno saranno legate alla diffusione della tecnologia del quantum computing che però, sottolineano gli esperti, non sostituirà ma affiancherà il computing classico. Deloitte prevede un mercato da 50 miliardi di dollari l’anno a partire dal 2030 per l’elaborazione quantistica.

Sorpresa: in un mondo sempre più hitech un “vecchio” mezzo di comunicazione, la radio, resterà importante. Secondo Deloitte l’anno prossimo l’85% della popolazione adulta ascolterà la radio almeno una volta a settimana nei paesi industrializzati. Si tratta di quasi 3 miliardi di persone che si sintonizzeranno su notizie e intrattenimento via radio; negli Stati Uniti la quota tocca il 90% tanto che entro il 2025, stima Deloitte, gli americani passeranno più tempo ad ascoltare la radio che a guardare la Tv tradizionale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4