L'ANNUNCIO

Google dice addio a Glass: flop della realtà aumentata formato business

Stop alla vendita degli occhialli studiati appositamente per il segmento aziendale e in particolare per il settore medico-scientifico. Seconda dèbacle dopo quella per il mercato consumer

Pubblicato il 20 Mar 2023

google-glass-141229151452

Addio all’Enterprise edition dei Google Glass, gli occhiali di realtà aumentata di Google. L’azienda ha infatti annunciato che il 15 marzo è terminata la vendita dei dispositivi e che dal prossimo 15 settembre terminerà anche il supporto.

La Enterprise edition era la versione per aziende degli occhialini connessi, aggiornati nel 2019 con una serie di novità hardware di spessore. Nonostante ciò, Google non aveva mai riscosso, per i Glass, quell’interesse che si attendeva, nemmeno da parte di un pubblico di professionisti, in modo particolare in ambito medico e scientifico, due dei settori per i quali il colosso aveva personalizzato il nuovo prodotto.

La Enterprise edition è arrivata a distanza di circa quatto anni dalla prima versione dei Google Glass, la Explorer Edition, che fu resa disponibile a inizio 2013. A gennaio di due anni dopo, Google decise di chiudere definitivamente il progetto per il grande pubblico, puntando solo alle imprese.

Ma l’interesse di Big G per l’augmented reality prosegue

“Grazie per oltre un decennio di innovazione e partnership”, ha scritto Google annunciando la fine del progetto. Nonostante la notizia, comunque, le mire di Big G nel campo della realtà aumentata proseguono. Nel 2022, il colosso americano aveva spiegato di continuare a lavorare su tecnologie di augmented reality, mostrando un possibile scenario in cui un paio di occhiali possono tradurre, in tempo reale, un discorso da una lingua all’altra.

Nel frattempo, la concorrenza non sta a guardare. Se si attende entro l’anno la mossa di Apple, Meta avrebbe in cantiere una versione decisamente più tecnologica dei Rayban Stories, prodotti insieme a EssilorLuxottica, con un piccolo display su cui mostrare contenuti in arrivo dalle piattaforme social del gruppo e dal metaverso, ma saranno pronti solo nel 2025.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 4