Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STATEGIE

La visione B2B di Sharp: “Informazioni e condivisione nel futuro delle aziende”

Durante Inspire Expo 2015 la compagnia giapponese indica la propria strategia per guidare le imprese verso nuove soluzioni di business. Prevista l’integrazione delle divisioni europee Document e Visual Solutions

15 Ott 2015

An.F.

“Molti dei nostri concorrenti si concentrano sulla tecnologia IT, ma i nostri clienti si concentrano sulle informazioni, sulla condivisione della conoscenza per generare idee ispiratrici”. Dal palco dell’Inspire Expo 2015, evento organizzato da Sharp nella cittadina maltese di San Giuliano, il vicepreside nte Information System Europe Alexander Hermann ha spiegato le linee guida che accompagneranno i prossimi anni di sviluppo della compagnia giapponese.

L’obiettivo dichiarato di Sharp sarà dunque offrire alle imprese una visione che, andando oltre prodotti e servizi, sia strettamente legata alle loro necessità. Sfruttando le tecnologie di interconnessione, il team di tecnici della compagnia giapponese lavorerà con i propri clienti business per esaminare le modalità con cui le informazioni sono catturate, processate e visualizzate prima di esser condivise.

Un passaggio necessario per soluzioni che rendano i dati più accessibile, rendendo più informato l’interno contesto imprenditoriale. Per far ciò, Sharp ha deciso di integrare la struttura vendita e assistenza con quella delle divisioni europee Document e Visual Solutions. Una scelta che segue la ristrutturazione avvita dalla compagnia giapponese in Europa, con l’intento di rafforzare il proprio portafoglio B2B.

“La nostra visione deve essere quella di concentrarsi su come le informazioni si trasformano, e su come la nostra organizzazione può migliorare questo processo”, ha concluso Hermann.

Articolo 1 di 3