Pc, in Italia è record di vendite:+79%, in vetta in Europa - CorCom

MERCATI

Pc, in Italia è record di vendite:+79%, in vetta in Europa

La pandemia di Covid-19, con il timore di nuove misure di lockdown, continua a trainare il mercato dei notebook e dei computer desktop per gli utenti consumer. Frenano invece i device per l’utenza business

21 Set 2020

Patrizia Licata

giornalista

Continuano a crescere le vendite di Pc sul mercato consumer dell’Europa occidentale mantenendo il trend positivo registrato all’inizio del 2020: nei primi due mesi del terzo trimestre l’incremento è del 39% anno su anno, dopo il +42% messo a segno nel secondo trimestre. È quanto rileva la società di It market intelligence Context sulla base dei dati provenienti dalle maggiori società di distribuzione verso i negozi che vendono ai consumatori. L’Italia stacca tutti gli altri Paesi con un incremento delle vendite del 79%, la percentuale più alta in Europa occidentale; segue la Spagna a +65,4%.

La spinta della pandemia

Nel dettaglio, i volumi di vendita di notebook dai distributori ai retailer sono saliti del 41% nei primi due mesi del terzo trimestre (dopo la crescita del 50% nel secondo): i negozi, fisici e online, hanno continuato a ordinare computer per accompagnare il rientro a scuola.

Le vendite di desktop, che si erano contratte (-4%) nel secondo trimestre, stanno ribaltando il trend nel terzo con una solida crescita delle vendite del 25%, pur rappresentando la parte minoritaria del mercato rispetto ai notebook. I modelli più gettonati sono i mini-Pc e i desktop all-in-one, che crescono rispettivamente del 67% e del 32% nei primi due mesi del terzo trimestre.

La domanda di notebook è esplosa nel Q2 come conseguenza delle misure di lockdown adottate in tutta Europa e, ora che i tassi di contagio da Covid-19 sono nuovamente in crescita e si temono nuovi lockdown in diversi paesi, ci aspettiamo che i consumatori investano in nuovi dispositivi It nel Q3 per essere sicuri che ci siano sufficienti device all’interno della stessa famiglia per svolgere le varie attività, dall’e-learning al gaming”, commenta Marie-Christine Pygott, senior analyst di Context.

Pc in crescita su tutti i grandi mercati

Tutti i cinque maggiori mercati europei registrano vendite di Pc in aumento nei primi due mesi del terzo trimestre, anche se va considerato che il tasso di crescita è misurato anno su anno e che nel 2019 le prestazioni erano state deboli.

L’Italia, come anticipato, ha visto crescere le vendite di Pc a un tasso-record del 79%; la Spagna registra un incremento del 65,4%, la Germania del 51,6%, il Regno Unito del 26,5% e la Francia del 9,7% (fanalino di coda in Europa). Da segnalare il +38,5% del Portogallo e il +31,8% della Polonia; l’Austria e l’Olanda crescono entrambe del 26,5%, la Danimarca del 23,6%.

Giù le vendite alle aziende

Il quadro è diverso per quel che riguarda i Pc commerciali, dove Context rileva un deciso rallentamento delle vendite all’inizio del terzo trimestre dopo un secondo trimestre positivo: dopo il +21% del periodo aprile-giugno, a luglio-agosto la crescita è di appena +2% anno su anno. Questo forte ridimensionamento del mercato si deve, spiega la società di analisi, alla frenata dei notebook, le cui vendite sono salite del 26% a inizio Q3 dopo aver messo a segno un robusto +56% nel Q2; le vendite di desktop rimangono deboli.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

C
Context

Approfondimenti

C
covid-19
D
desktop
I
italia
N
notebook
P
pc

Articolo 1 di 3