Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

AZIENDE

Scandalo Facebook, ora la sicurezza di Zuckerberg costa 10 milioni di più

L’azienda di Menlo Park spenderà 17 milioni di dollari nel 2018 per proteggere il Ceo e la sua famiglia da attacchi reali o cyber. Nel 2017 ha speso “solo” 7 milioni, ma quest’anno pesano le contestazioni su privacy e fake news e i viaggi tra Usa e Europa

03 Ago 2018

Patrizia Licata

giornalista

Facebook spenderà quest’anno più di 17 milioni di dollari per la sicurezza personale di Mark Zuckerberg e della sua famiglia, 10 milioni di più di quanto speso l’anno scorso: controversie su privacy e fake news rendono il Ceo del social network più usato del mondo un obiettivo sensibile.

Una cifra del genere per proteggere il Ceo, le sue case, i suoi spostamenti e i familiari più stretti non è comune nelle tech companies e in generale nelle grandi aziende americane, osserva Bloomberg: 17 milioni di dollari l’anno è più dello stipendio medio annuale di molti dei Ceo della S&P 500. Ma per il sesto uomo più ricco del mondo (Zuck “vale” 68,6 miliardi di dollari) non è poi così tanto e, come nota Roderick Jones, presidente dei consulenti di security Concentric Advisors, “calcolando la sicurezza di più abitazioni e dei mezzi di trasporto, lo stipendio per le guardie del corpo e i sistemi la cyber-difesa dei dispositivi elettronici personali, moltiplicato per la moglie e le due figlie, 10 milioni di dollari coprono appena il costo base”.

Il potenziamento della spesa rispetto al 2017 si deve al fatto che quest’anno il social network si è attirato aspre critiche per l’utilizzo dei dati personali (lo scandalo Cambridge Analytica o datagate) e la diffusione di notizie false, non solo in Stati Uniti e Unione europea, ma in paesi come Myanmar e Sri Lanka dove la disinformazione è sfociata in diversi espisodi di violenza. Negli Usa la piattaforma di Zuckerberg è finita nell’occhio del ciclone per aver ospitato fake news di matrice russa che hanno influenzato l’esito delle elezioni presidenziali del 2016. Le controversie – unite a potenziali minacce come attacchi terroristici, sparatorie o cyber-crimine – rendono essenziale proteggere il Ceo e la sua famiglia senza badare a spese.

L’esborso di Facebook per la sicurezza di Zuckerberg è un benefit per un top manager che va incluso nel report finanziario dell’azienda all’interno dell’informativa sulla remunerazione del Ceo. Le voci coperte includono le guardie del corpo, i jet privati per viaggiare e sistemi di protezione e sorveglianza per le sue varie residenze – non solo telecamere ma finestre anti-proiettile o stanze-bunker. Le guardie del corpo possono essere molteplici e seguono il Ceo e i familiari in qualunque spostamento, negli Stati Uniti e all’estero.

C’è poi la questione della cyber-sicurezza: occorre mettere al riparo da furti e hacker il cellulare, il tablet, il computer, la rete Internet casalinga, l’automobile e gli elettromestici connessi di Zuckerberg per scongiurare la sottrazione di dati sensibili. “Non è emozionante come nei telefilm polizieschi o di spionaggio”, dice Jones di Concentric Advisors, “ma bisogna far combaciare una miriade di pezzi per costruire una sicurezza personale efficace”. Noioso ma necessario, dice l’esperto, considerato il ruolo di Mark Zuckerberg e della sua piattaforma.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5