IL PROGETTO

Smart city e materiali 4.0: Enea entra a far parte di Kilometro Rosso

L’Agenzia nel parco scientifico-tecnologico. Finanziamento da 3 milioni con la Regione Lombardia per creare due laboratori e attivare 13 dottorati nonché trasferire tecnologie innovative e servizi avanzati al mondo produttivo e al territorio

31 Mag 2022

Veronica Balocco

Schermata 2022-05-31 alle 15.14.20

Enea entra nel parco scientifico tecnologicoKilometro rosso, uno dei principali distretti europei dell’innovazione, con due laboratori dedicati a tecnologie e servizi avanzati nel campo dei “Materiali e processi industriali sostenibili 4.0” e delle “Tecnologie per le smart cities”. L’iniziativa dà seguito agli accordi di collaborazione bilaterali siglati dall’agenzia con Kilometro rosso, Università degli studi di Bergamo e Regione Lombardia e prevede un investimento complessivo di 3 milioni di euro, di cui 2 da parte Enea e circa uno dalla Regione per attivare 13 dottorati.

“La presenza a ‘Km rosso’ di Enea nasce per trasferire tecnologie innovative e servizi avanzati al mondo produttivo e al territorio lombardo in settori di particolare attualità, offrendo anche opportunità di qualificazione a giovani ricercatori”, dichiara il presidente dell’Enea Gilberto Dialuce. “L’obiettivo è di avviare forme di collaborazione fra imprese, sistema della ricerca e territorio, per far emergere la domanda di innovazione e di formazione a beneficio della crescita e della competitività. In questo contesto, sono particolarmente strategiche la collaborazione con la Regione Lombardia e l’Università degli studi di Bergamo”.

Trasferimento tecnologico

“L’arrivo di Enea nel campus è per noi un importante riconoscimento e un’occasione unica per attivare nuove opportunità di trasferimento tecnologico da uno dei più importanti centri di ricerca internazionali, quale appunto Enea, verso il tessuto industriale del nostro territorio”, ha sottolineato il presidente di Kilometro rosso e presidente emerito di Brembo Alberto Bombassei. “I due nuovi laboratori, il primo dedicato a ‘Materiali e processi industriali sostenibili 4.0’ e il secondo alle ‘Tecnologie per le smart cities’ coprono alcune delle tematiche di maggiore interesse delle nostre imprese: digitalizzazione e sostenibilità in ottica 4.0 sono, infatti, i pilastri del nuovo scenario competitivo nel quale il nostro Paese si trova ad operare”.

WHITEPAPER
Transizione 4.0 e PNRR: incentivi e agevolazioni, tutto quello che c'è da sapere
Dematerializzazione
Istruzione

“Questa attivata con Enea – commenta il Rettore dell’Università degli studi di Bergamo, Sergio Cavalieri – rappresenta una partnership strategica per il nostro ateneo nell’ambito dei temi delle smart cities e degli smart materials. La collaborazione prevede l’attivazione di due joint lab presso la sede di Kilometro rosso e il coinvolgimento di 6 nostri dottorandi di ricerca; in previsione di ampliare ulteriormente il team di ricerca con PhD e altri dottorandi. Il ringraziamento va a Regione Lombardia che, grazie ai suoi investimenti, ha reso possibile l’attivazione delle borse nell’ambito del progetto”.

I due laboratori attivi

Nel dettaglio, il laboratorio “Materiali e processi industriali sostenibili 4.0” renderà disponibili alle imprese del territorio lombardo e alle loro associazioni tecnologie di fabbricazione sostenibili e innovative nel campo della manifattura additiva, personale specializzato e infrastrutture dedicate per operare su materiali ceramici e metallici, polimerici, compositi, anche integrati con materiali secondari provenienti da riciclo o da fonti naturali, fino alla realizzazione di componenti dimostrative.

L’obiettivo è di soddisfare la domanda di ricerca delle industrie del territorio lombardo e creare un luogo di incontro tra il know-how dell’Enea e quello del mondo produttivo.

Il laboratorio “Tecnologie per le smart cities” consentirà di sviluppare collaborazioni tra ricerca, industria e amministrazioni pubbliche in materia di smart community e digitalizzazione al fine di rendere disponibili soluzioni, strumenti software e servizi innovativi. Il laboratorio dispone di infrastrutture avanzate quali lo smart lab per test di qualificazione e sviluppo di algoritmi di gestione ed è dotato di risorse hardware e software per lo sviluppo di piattaforme digitali interoperabili per l’integrazione di servizi urbani (edifici, illuminazione pubblica, mobilità, sicurezza, servizi di assisted living al cittadino), la promozione e diffusione di smart community e comunità energetiche.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4