IL REPORT

Stampanti 3D, 2020 in affanno. Ma cresce la domanda di kit

Complici la crisi della domanda del settore produttivo e la riconversione alla produzione di forniture mediche, già il primo trimestre del nuovo anno ha visto performance di vendite negative in tutti i verticali. I dati dell’analisi Context

14 Apr 2020

Domenico Aliperto

A partire dalla fine del primo trimestre 2020, a causa dell’emergenza coronavirus molte aziende di stampanti 3D attive negli Stati Uniti, in Europa, in Cina e nel resto mondo sono state costrette a rivedere al ribasso le proprie performance di vendita relativa ai device e ai materiali di consumo necessari. A dirlo è l’ultimo report di Context, società specializzata di analisi di mercato.

“Concentrare gli sforzi sulla produzione di forniture mediche ha significato allontanarsi dalla produzione e dalla vendita di stampanti alle imprese di servizi e ai fornitori di assistenza tecnica”, ha affermato Chris Connery, Vp of global analysis di Context. “Specialmente questa rifocalizzazione – oltre ai vincoli di domanda e offerta previsti nelle prossime settimane – sembrerebbe fare del 2020 un anno difficile per la distribuzione di stampanti 3D. Bisogna però precisare che nel quarto trimestre del 2019, quando l’epidemia non aveva ancora avuto alcun impatto, le vendite globali di stampanti 3D erano già insolitamente deboli. Per molti produttori, in particolare quelli focalizzati su stampanti di classe industriale questo rallentamento è stato associato a un mercato debole per quanto riguarda i settori automobilistico e manifatturiero e più in generale alle economie asiatiche ed europee, che andavano a rilento”.

L’andamento del mercato globale nel primo trimestre 2020

Context rileva che le vendite di stampanti nel corso del trimestre hanno registrato variazioni su base annua rispettivamente del -11% (stampanti personali), + 26% (stampanti professionali), -22% (design) e -23% (industriale). Nell’intero anno, si è registrato solo un + 1% di crescita nelle forniture di stampanti industriali rispetto al 2018, -6% nel segmento Design, e le vendite di stampanti a uso personale già assemblate sono diminuite dell’11%, poiché la domanda ha continuato a spostarsi verso i kit, le cui vendite sono difficili da quantificare. Ancora una volta, l’unica crescita annuale è stata nel segmento Professionale, dove le spedizioni sono aumentate del 16%, poiché molte aziende di stampanti 3D di lunga data sono tornate nella nicchia e altre, precedentemente focalizzate sulla produzione di stampanti personali, sono passate al suo interno.

Ritorna in auge il settore dei kit

Secondo Context, il leader nel verticale dei kit è stato il cinese Creality 3D. Mentre una volta si supponeva che la domanda dei consumatori di kit fai-da-te sarebbe svanita di fronte alla migliore esperienza immediata offerta da macchine complete, l’autoassemblaggio è tornato di moda negli ultimi anni. Questo grazie non solo a prezzi molto bassi, ma anche a misure protezionistiche che favoriscono l’importazione di parti che possono essere assemblate localmente su prodotti finiti anche se, in questo caso, l’assemblaggio avviene su base individuale fai-da-te piuttosto che in fabbrica. Il numero di kit fai-da-te spediti nel 2019 è stato quasi il doppio di quello delle stampanti finite ma, se aggregato al totale annuale, le vendite in questo nebuloso mercato avrebbero aumentato i ricavi globali solo del  9%. Nei segmenti Design e Industrial – che hanno rappresentato nel complesso oltre il 78% di tutti i ricavi delle vendite di stampanti 3D – nel 2019 le vendite aggregate sono diminuite del 3% .

Cosa si aspettano i produttori dal 2020

Le previsioni per il 2020, basate sulle informazioni disponibili al 23 marzo, mostrano che i produttori di stampanti stanno ora valutando, su base giornaliera, gli impatti di una catena di approvvigionamento interrotta e una produttività umana disomogenea sia sulla propria capacità di produrre hardware sia rispetto ai mercati finali che soddisfano. Negli ultimi anni, i fornitori hanno in genere iniziato con una prospettiva rialzista e hanno lentamente adattato la loro prospettiva di spedizione nel corso dell’anno. Ora la maggior parte sta iniziando il 2020 con una prospettiva negativa e prevede di riprendersi man mano che l’attività ricomincerà una volta che la pandemia globale si sarà attenuata. A causa dell’incertezza, i fornitori di hardware stanno ora pensando in termini di settimane e trimestri piuttosto che di anni, e le attuali previsioni aggregate mostrano che i segmenti industriali e del design sono destinati a vedere un calo delle vendite del 4% dal 2019 al 2020 anche prendendo in considerazione un ripresa nella seconda metà dell’anno.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2