Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'OPERAZIONE

Symantec nel mirino di Starboard, obiettivo ribaltone nel Cda

L’azionista attivista vuole rilanciare la crescita della società di cybersecurity alle prese con un’indagine interna su irregolarità contabili e contrazione del fatturato: già presentata la lista di candidati al board

17 Ago 2018

Patrizia Licata

giornalista

L’investitore attivista Starboard ha acquisito una quota del 5,8% di Symantec per un valore di 670 milioni di dollari e sta cercando di inserire cinque suoi rappresentanti nel Cda (composto da 11 consiglieri) dell’azienda californiana della cybersecurity. Il valore delle azioni di Symantec si è quasi dimezzato negli ultimi mesi, dopo che il management ha reso note possibili irregolarità nella registrazione della contabilità, e Starboard è decisa a prendere le redini in mano per riportare l’azienda alla crescita, riporta il Wall Street Journal.

L’investitore attivista Starboard è lo stesso cui si deve una forte spinta alla vendita di Yahoo a Verizon lo scorso anno. Le attività di Yahoo non cedute alla telco americana sono passate a una nuova società chiamata Altaba nel cui Cda sono entrati nomi “forti” di Starboard: Tor Braham e Jeffrey Smith, fondatore dell’hedge fund. Sempre Starboard ha acquisito nel 2016 il 6,7% di Marvell Technology, azienda che sviluppa soluzioni per chip nei segmenti storage, networking e connettività, colpita da problemi di contabilità e dalla riduzione dei margini di guadagno.

Starboard tenta per Symantec un’operazione simile a quella di Marvell, decisa a influenzare le strategie di business della società della cybersicurezza che nel primo trimestre ha registrato una flessione del fatturato dell’1,6%. L’azionista attivista è anche convinto che i suoi rappresentanti aiuteranno a porre rimedio ai problemi creati da una non corretta registrazione dei risultati finanziari che ha condotto a maggio all’avvio di un’audit interna non ancora conclusa.

Starboard avrebbe già presentato privatamente al management la sua lista di candidati: tra questi ci sarebbero un ex presidente della società degli antivirus AVG Technologies, un ex top manager di Intuit e tre persone che attualmente siedono nel Cda di Marvell, tra cui il capo ricerca di Starboard Peter Feld, che infatti a maggio ha comunicato che non parteciperà alle elezioni per il rinnovo dell’incarico nel board di Marvell.

Symantec ha confermato che da diverse settimane è in corso una trattativa con Starboard, ma non ha fissato date per le nuove nomine al consiglio d’amministrazione o per il prossimo meeting annuale chiarendo di voler prima chiudere l’indagine interna sulle irregolarità contabili e presentare i report finanziari corretti alla Sec, l’ente regolatore di Borsa americano.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
cybersecurity
S
starboard
S
symantec

Articolo 1 di 5