Tablet, impennata delle vendite con i nuovi lockdown: mercato a +10% - CorCom

COVID-19

Tablet, impennata delle vendite con i nuovi lockdown: mercato a +10%

Idc stima una chiusura 2020 al rialzo rispetto alle stime grazie al traino della didattica a distanza. Ma nel 2021 si prevede una flessione del 13% per effetto del rientro dell’emergenza sanitaria. In Sud Europa vincono i dispositivi Android, nel Nord quelli iOs

25 Nov 2020

Patrizia Licata

giornalista

La pandemia di Covid-19 e i nuovi lockdown continuano a fare da traino al mercato dei tablet:  secondo le stime di Idc, il settore crescerà in volumi del 3,6% anno-su-anno in Emea nel quarto trimestre 2020. Nell’intero anno il mercato dei tablet di Europa, Medio Oriente e Africa dovrebbe crescere del 10,1% rispetto al 2019, la performance migliore dal 2013.

Traino dalle scuole e università

Il settore education è quello da cui arriva la richiesta più alta di tablet, perhé le amministrazioni locali continueranno a tenere gare d’appalto per affrontare la chiusura delle scuole con conseguente sportamento delle attività in didattica a distanza e si prepareranno all’eventualità di nuovi blocchi. Tra i paesi in cui sono previste prossime gare d’appalto ci sono Uk, Germania, Francia, Grecia, Romania, Kazakistan e Ungheria.

WHITEPAPER
Perché impostare una strategia di manutenzione dei server?
Datacenter
Sicurezza

“L’intera regione sarà guidata da importanti progetti di digitalizzazione scolastica che raggiungeranno volumi di centinaia di migliaia di unità in alcuni casi”, è il commento di Nikolina Jurisic, responsabile senior, European Personal Computing Devices di Idc.

“I dispositivi basati su Android dovrebbero essere una scelta ricorrente nei mercati emergenti e nell’Europa meridionale, con un mix di marchi di serie A e operatori locali che si uniranno nelle offerte per il mercato, mentre nell’Europa nord-occidentale, i tablet basati su iOS tendono ad essere preferiti”, osserva Daniel Goncalves, responsabile della ricerca di European Personal Computing Devices.

Flessione nel 2021: “Correzione fisiologica”

La domanda dei consumatori contribuirà a mantenere il mercato dei tablet in territorio positivo anche perché le restrizioni e i blocchi applicati ai paesi per via del Covid-19 si uniscono ai problemi di disponibilità dei notebook e alla riprogrammazione del Prime Day a ottobre, secondo Jurisic.

Dopo due trimestri di crescita a due cifre per i tablet, il segmento consumer comincerà a mostrare segnali di rallentamento, ma il mercato dovrebbe rimanere positivo fino alla fine del 2020 e ancora all’inizio del 2021, con una crescita stimata su base annua del 5,1% e del 7,6% rispettivamente per il quarto trimestre 2020 e per il primo trimestre 2021.

Per l’intero 2021 è prevista una flessione, col mercato tablet Emea stimato a -13,7% su base annua, ma una correzione a questo 2020 “anomalo” è probabile e fisiologica, commenta Goncalves: diminuirà la domanda di didattica a distanza e di intrattenimento domestico su tablet e notebook e – auspicabilmente – le persone torneranno alle attività in presenza e fuori casa.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

I
idc

Approfondimenti

C
covid-19
D
didattica a distanza
L
lockdown
T
tablet