TECH ZONE

5G, A1 Telekom Austria sceglie Nokia ed Ericsson come fornitori di rete

L’operatore ha annunciato di aver optato per le due società scandinave, con le quali già collabora, come partner per il lancio del nuovo standard nei mercati di Bulgaria, Croazia, Repubblica di Serbia e Slovenia

24 Ago 2021

Veronica Balocco

5g-smartphone

A1 Telekom Austria group ha scelto i fornitori scandinavi di apparecchiature di rete Nokia ed Ericsson come partner per il lancio delle reti 5G nei mercati di Bulgaria, Croazia, Serbia e Slovenia.
A1 fornisce servizi digitali e sistemi di comunicazione in Europa centrale e orientale con circa 25 milioni di clienti, attualmente operanti in sette paesi: Austria, Bulgaria, Croazia, Bielorussia, Slovenia, Macedonia del Nord e Serbia.

“Selezionando i due fornitori di rete Nokia ed Ericsson, che sono già partner strategici di lunga data e affidabili per noi, abbiamo preso la decisione di far evolvere ancora una volta le nostre reti e i nostri servizi, dimostrando così ancora una volta il nostro forte impegno a fornire la migliore esperienza utente in termini di servizi di comunicazione e intrattenimento su un’infrastruttura di alta classe e sicura ai nostri clienti B2C e B2B – commenta Alexander Kuchar, direttore Group technology & future services di A1 -. Allo stesso tempo, stiamo prendendo una posizione forte sulla virtualizzazione, l’automazione e la semplificazione della nostra architettura di rete”.

In Bulgaria, Nokia sta costruendo la rete radio ed Ericsson la rete centrale, in Croazia Ericsson è responsabile sia della radio che della rete centrale, in Serbia e Slovenia Nokia è responsabile sia della radio che della rete centrale packt. In Austria è stato già annunciato nella primavera del 2019 che Nokia è il partner prescelto per l’implementazione del 5G dei domini radio e della rete principale.

Iannetti (Ericsson): “Pronti a collaborare con A1 Bulgaria”

“Siamo lieti di annunciare che il nostro portafoglio di reti core è stato selezionato da A1 Telekom Austria AG per portare il 5G al livello successivo in Bulgaria – afferma Emanuele Iannetti, Head of CU south east Mediterranean and country manager di Ericsson Italy . Lavoreremo a stretto contatto con A1 Bulgaria per garantire che i consumatori e le imprese del Paese possano beneficiare delle opportunità emergenti del 5G mentre prosegue il processo di digitalizzazione”.

WHITEPAPER
I trend che stanno trasformando strumenti e processi nel Monitoring
Digital Transformation
Finanza/Assicurazioni

Da Nokia sistemi 5G Ran dal portafoglio AirScale

L’accordo con l’azienda finlandese vedrà Nokia fornire i sistemi 5G RAN dal suo portafoglio AirScale a tutti e tre i mercati e la rete centrale 5G standalone a Serbia e Slovenia. La distribuzione è già in corso in Bulgaria e dovrebbe iniziare a breve in tutti gli altri mercati.
Le apparecchiature includeranno prodotti di accesso radio AirScale per fornire velocità, connettività e capacità agli abbonati A1, mentre il software core standalone 5G nativo del cloud Nokia utilizzerà l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale per abilitare capacità di automazione near-zero-touch per A1 in Serbia e Slovenia per aumentare la scalabilità e l’affidabilità. Nokia afferma che la sua architettura core standalone aperta 5G darà anche ad A1 la flessibilità necessaria per rispondere alle richieste del mercato, controllando al contempo i costi in un momento di crescente complessità della rete, semplificando le operazioni e sbloccando funzionalità cruciali, come lo slicing della rete.

Coinvolte aree metropolitane e rurali

“In futuro – spiega A1 -, tutti i clienti esistenti e futuri potranno sfruttare tutti i vantaggi della tecnologia 5G, caratterizzata da alte velocità, bassa latenza e un numero enorme di dispositivi autonomi. Non solo nelle aree metropolitane, ma anche nelle aree rurali, i clienti potranno così godere dei vantaggi di velocità e servizi di trasmissione affidabili, sicuri e ultraveloci. A1 Telekom Austria Group coprirà tutti i principali centri abitati e le strade principali entro i prossimi 5 anni, offrendo servizi innovativi ai consumatori e alle industrie verticali”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4