LA PARTNERSHIP

5G, alleanza Nokia-Intel per reti super-performanti

Dopo l’annuncio dell’accordo con Marvell Technology, la società finlandese punta al potenziamento del sistema ReefShark, tassello fondamentale nella creazione di network avanzati a costi contenuti

05 Mar 2020

D. A.

Nokia ha stretto una partnership con Intel per accelerare lo sviluppo di soluzioni 5G performanti. L’annuncio arriva a pochi giorni dall’ufficializzazione di un accordo simile con Marvell Technology e dalla fuga di notizie che ha descritto l’incrinarsi del rapporto con Deutsche Telekom proprio rispetto alle forniture di tecnologia per il 5G.

“Stiamo lavorando con più partner per supportare la famiglia di chipset ReefShark, utilizzati in molti elementi di base”, ha affermato la società finlandese. Nokia, come sottolinea Reuters, ha dovuto fare i conti con uno sviluppo più lento del previsto del suo sistema Reefshark, che consente a un singolo chip di trasportare un intero sistema informatico, diminuendo costi di produzione e di gestione delle apparecchiature.

I dettagli della partnership

Le soluzioni di silicio personalizzate sviluppate congiuntamente con Intel – si legge in una nota di Nokia – sono incluse nei prodotti di accesso radio AirScale che vengono distribuiti in tutto il mondo come parte del portafoglio 5G “Powered by ReefShark”. ReefShark dovrebbe consentire a Nokia di aumentare in modo significativo le prestazioni riducendo l’impronta energetica delle implementazioni di rete 5G. Inoltre, l’azienda continuerà ad adottare l’ultimo processore Intel Xeon per uso generico nella sua soluzione di data center cloud AirFrame. Il processore è anche incluso nelle soluzioni Ran virtuali All-in-cloud (vRan) di Nokia e nelle soluzioni core 5G per soddisfare i requisiti richiesti dalle tecnologie 5G. AirScale Cloud Ran di Nokia virtualizza le funzioni radio per offrire una bassa latenza e tassi di bit elevati per carichi di lavoro impegnativi, e fornisce la flessibilità necessaria per offrire scalabilità, agilità ed efficienza operativa per soddisfare la domanda di servizi evoluti.

“Le reti 5G devono supportare miliardi di dispositivi e macchine e questo massiccio aumento di volume e scala significa che le infrastrutture e i componenti esistenti devono evolversi rapidamente, adottando tecnologie e tecniche per consentire l’implementazione rapida di network di ultima generazione”, dichiara Tommi Uitto, Presidente di Mobile Networks di Nokia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA