Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LOGISTICA

5G, il porto di Livorno sul red carpet del Forum di New York

Unico progetto italiano presentato al Global Solution, prevede un’abbattimento dell’8,2% di Co2 grazie all’adozione di tecnologie di frontiera. Protagonisti Fondazione Eni Enrico Mattei, Ericsson Italia, Tim, Cnit, Adsp Mar Tirreno Settentrionale

26 Set 2019

L. O.

5G, Italia sul red carpet del Global Solutions Forum di New York. Protagonista il progetto “Logistics of the future in Sustainable Smart Ports”, che grazie al 5G prevede riduzione dell’8,2% delle emissioni di CO2 e aumento di efficienza, sicurezza, produttività per il porto di Livorno. Firmano il progetto Fondazione Eni Enrico Mattei, Ericsson Italia e Tim, Cnit, Autorità di Sistema portuale Mar Tirreno Settentrionale.

Al centro del progetto, – l’unico italiano tra quelli presentati al forum, parte della Climate Week delle Nazioni Unite – la definizione di un modello innovativo per la valutazione dell’introduzione di nuove tecnologie, in particolare il 5G, nei processi portuali per comprendere  l’impatto della trasformazione digitale e le connessioni con lo Sviluppo Sostenibile dettato dall’Agenda 2030.

Il modello si basa sull’indicatore “Sdsn Italia SDGs City Index” sviluppato dai ricercatori della Fondazione Eni Enrico Mattei – hosting Institution di Sdsn Italia che fornisce il grado di implementazione dei Sustainable Development Goals nei comuni-capoluogo di provincia del nostro Paese. Il modello di analisi è stato ulteriormente declinato adattandolo alla realtà portuale del comune di Livorno e considerando la trasformazione digitale abilitata dal 5G come motore principale sia per la valutazione delle prestazioni portuali, che per il perseguimento di uno sviluppo sostenibile tout court.

I porti del futuro: il progetto Corealis

Nel contesto del progetto Corealis (il progetto europeo dedicato alla realizzazione del porto del futuro) in particolare, è stato dimostrato che la connettività 5G è in grado di generare una molteplicità (circa 60) di benefici diretti ed indiretti per il sistema portuale promuovendo l’aumento di competitività e di sicurezza per il personale, la crescita sostenibile della città portuale, la gestione del business responsabile nella logistica e un impatto ambientale positivo che si stima in un risparmio di CO2 dell’8,2% annui, pari a quasi 148.000 kg di CO2.

Oltre ai risultati specifici ottenuti dal progetto, la solution initiative risulta un ottimo esempio di partnership per i goal:  la condivisione tra enti di diversa natura della stessa finalità, una visione comune dello sviluppo sostenibile aggiunta ad un impegno convinto a fornire strumenti di ricerca idonei, sono stati infatti prerequisiti imprescindibili per la riuscita del progetto.

“Raggiungere lo sviluppo sostenibile significa capire quali siano le esigenze di un territori – dice Paolo Carnevale, Direttore esecutivo Fondazione Eni Enrico Mattei -. Per fare questo, l’unico modo è permettere alla ricerca di collaborare in modo sinergico con attori e settori diversi, riconoscendo la centralità delle “Partnerships for the goals” e il potenziale del progresso tecnologico, senza rincorrerlo o temerlo”.

Romano (Tim): “Logistica sostenibile con il 5G”

“Questo progetto di eccellenza – dice Elisabetta Romano, Chief Technology and Innovation Officer di Tim – sottolinea la qualità dell’infrastruttura della rete di Tim. La rete 5G abilita servizi avanzati come il monitoraggio ambientale, la logistica e la mobilità intelligente che garantiscono risparmi energetici a vantaggio della green economy”.

Per Rossella Cardone, Head of Sustainability and Corporate Responsibility, Europa e America Latina Ericsson, “declinare gli obiettivi di sviluppo sostenibile in ambito portuale significa investire nella ricerca ed innovazione tecnologica”.

“Abilitare tramite il 5G il Massive Machine-Type Communication – dicono infine Paolo Pagano, direttore Laboratorio AdSP-Mts/Cnit e Alexandr Tardo, Project Manager Corealis – rappresenta una possibilità concreta di sperimentare use case innovativi a sostegno della logistica delle merci ed in particolare delle operazioni di movimentazione delle merci in ambito portuale”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2