Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'ANNUNCIO

5G, Nokia “festeggia” un anno da record

Leader in Nord America con la maggiore copertura di rete, l’azienda finlandese ha anche firmato la rete di Tim nella Repubblica di San Marino, il primo Stato d’Europa in quinta generazione mobile

03 Ott 2019

Enzo Lima

Il primo vendor del Nord America con la più estesa copertura 5G. Il primo ad aver completato la rete 5G di uno Stato, alias della Repubblica di San Marino. E la lista è lunga: 23 i primati messi a segno da Nokia in un anno, di cui 6 mondiali, 7 tecnologici e 10 regionali.

“Gli ultimi 12 mesi di traguardi e successi di Nokia in ambito 5G sono il risultato di anni di ricerca nel campo e le tecnologie innovative che ne derivano stanno cambiando il mondo per i consumatori e le imprese” sottolinea Marcus Weldon, Corporate cto di Nokia e Presidente di Nokia Bell Labs. “Che si tratti di consentire a nuove aree geografiche di sperimentare per la prima volta le possibilità del 5G, di spingere la tecnologia a ridefinire i limiti, di offrire prestazioni eccezionali o di raggiungere nuovi primati in campo 5G, il portfolio end-to-end di Nokia aiuta i clienti a ridefinire il concetto di possibile, man mano che il vero potenziale del 5G inizia ad affermarsi”.

“I primi traguardi da evidenziare, negli ultimi dodici mesi, sono i sei primati mondiali in ambito 5G”, si legge nella nota emessa per “festeggiare” i risultati raggiunti. Fra questi ci sono: il primo ambiente di verifica per lo sviluppo dell’auto connessa usando il 5G, attivato con le stazioni base standard 3GPP di Nokia per Softbank; i primi test su nuovi aspetti dello standard 5G in condizioni industriali reali condotti presso il Porto di Amburgo in Germania, in collaborazione con l’Autorità Portuale di Amburgo e Deutsche Telekom;  la prima trasmissione dati 5G via etere usando 2,5 GHz e la tecnologia antenna Massive Mimo nella rete live commerciale di Sprint, a San Diego, in collaborazione con Qualcomm Technologies e Sprint

Fra i 7 sette primati tecnologici – oltre alla sperimentazione con Verizon ci sono: il primo streaming TV, in ultra alta definizione 8k, in condizioni reali su 5G, realizzato in collaborazione con France Télévisions; il primo gioco in Realtà Virtuale su cloud su rete 5G basata su intelligenza artificiale, usando l’architettura aperta Ran per gestire le eccezionali esigenze di rete dell’esperienza di gioco immersivo RV in tempo reale, dopo aver instaurato una collaborazione con Cmcc; la prima soluzione 5G per uno dei più grandi eventi mondiali, l’Hajj in Arabia Saudita, utilizzando la Realtà Virtuale per consentire ai visitatori di “vivere” l’Hajj in remoto, come se fossero realmente presenti.

E, ancora, fra i 10 primati regionali, messi a segno con partner e clienti: il primo progetto pilota outdoor della 5G New Radio su banda di frequenza 3,5 GHz a Singapore, in collaborazione con StarHub; la prima copertura completa 5G di uno stato in Europa, la Repubblica di San Marino, in collaborazione con Tim; le prime reti 5G in Sudafrica con rain, in America Latina con Antel in Uruguay e più recentemente in Nuova Zelanda con Vodafone New Zealand.

La società ci tiene ad evidenziare che i “Nokia Bell Labs hanno introdotto molte delle innovazioni tecnologiche fondamentali che stanno venendo adottate negli standard 5G”. Le scoperte nel controllo di parità a bassa densità (LDPC), nel design dello stack radio 5G, nel Massive Mimo, nel Mobile Edge Computing e nell’onda millimetrica hanno permesso la Release 15 del 5G, e le innovazioni nello spettro senza licenza 5G e l’IoT industriale “stanno guidando la trasformazione digitale verso l’automazione industriale e l’Industry 4.0”. Inoltre, “Nokia ha rivestito un ruolo fondamentale di leadership nel portare avanti il primo insieme di standard 5G interoperativi tramite il suo contributo all’organizzazione sugli standard 3GPP”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3