Fibra ottica e 5G, Maticmind acquisisce il ramo Ftth di New Changer - CorCom

L'OPERAZIONE

Fibra ottica e 5G, Maticmind acquisisce il ramo Ftth di New Changer

Grazie a questo accordo il System integrator consolida il proprio business e punta a sinergie commerciali e operative, proponendosi come player specializzato nella progettazione ingegneristica delle infrastrutture di nuova generazione

02 Ago 2021

A. S.

Creare un player nazionale specializzato nell’Ftth, puntando sulla qualità e sulla capillarità territoriale, consentendo a Fibermind di essere presente in ogni zona del Paese e consolidare il suo posizionamento nell’ambito della progettazione ingegneristica di infrastruttura ultrabroadband in fibra e 5G. E’ questo l’obiettivo che ha portato Maticmind, attraverso la controllata Fibermind, a siglare l’accordo di acquisto del ramo d’azienda Ftth di New Changer, società specializzata nell’ingegneria e progettazione di reti in fibra ottica. Grazie a quest’operazione, si legge in una nota, il gruppo Maticmind consoliderà la propria offerta, integrando e ampliando quanto già sviluppato e prodotto tramite Fibermind.

Il signing, spiega Maticmind, rappresenta per l’intero gruppo un’opportunità di crescita nell’ambito della progettazione e implementazione di reti digitali complesse, apportando molteplici benefici: ampliamento del mercato, sviluppo di sinergie commerciali, ottenimento di significative sinergie operative ed una migliore organizzazione e impiego delle risorse economiche, finanziarie, tecniche ed umane per lo svolgimento delle attività. La connettività in fibra ad alta velocità rappresenta, secondo la vision dell’azienda, uno dei punti chiave per la digitalizzazione del Paese e per questo costituisce un tema sostanziale del Pnrr. Per questo il gruppo Maticmind ha deciso di investire “per apportare il suo contributo, offrendo soluzioni migliorative per l’evoluzione e l’accessibilità tecnologica al servizio dei cittadini”.

“C’è grande entusiasmo per questo risultato: è la prima operazione del 2021 per il gruppo Maticmind – sottolinea Carmine Saladino (nella foto), presidente e Azionista di riferimento – Dopo un anno difficile segnato dalla pandemia, in cui comunque abbiamo continuato a progettare il nostro percorso di crescita, questo è un segnale forte di ripartenza. Come sempre fatto, puntiamo sull’eccellenza, premiando il made in Italy. Siamo certi che proseguendo su questa strada daremo una grande mano all’Italia nel suo processo di sviluppo tecnologico”.

Il gruppo Maticmind, recentemente oggetto di un investimento di private equity da parte di Fondo Italiano Investimento attraverso Fondo Italiano Consolidamento e Crescita, al fine di consolidare la leadership tecnologica nei servizi digitali, conta su oltre 900 dipendenti, 12 sedi in tutta Italia ed un fatturato di oltre 300 milioni di euro nel 2020.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4