Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PROGETTO

Genova apre ufficialmente il “cantiere” 5G

Diventa operativa la partnership tra Comune, Fastweb ed Ericsson per la realizzazione di infrastrutture e servizi. Gli ambiti applicativi saranno la sicurezza, il turismo e la smart city, con soluzioni specifiche per il laboratorio a cielo aperto del Porto Antico

05 Feb 2019

Parte ufficialmente il piano di sviluppo per la sperimentazione delle reti di ultima generazione a Genova. L’Amministrazione comunale, Fastweb ed Ericsson hanno presentato oggi il progetto “Genova 5G” che nei prossimi mesi consentirà al territorio di accedere a servizi avanzati in ambito digitale rivolti alla cittadinanza, alle imprese e al mondo della pubblica amministrazione, in ambito sicurezza, turismo e smart city. L’accordo tra Fastweb ed Ericsson prevede la realizzazione di infrastrutture di rete in sinergia con la piattaforma Wi-Fi già diffusa e attiva in città. Il Comune di Genova metterà a disposizione i propri beni immobili e le infrastrutture civili pre-esistenti per l’installazione degli apparati e delle antenne necessarie.

Le applicazioni del progetto che verranno implementate nell’area del Porto Antico riguarderanno la sicurezza, con lo sviluppo di soluzioni innovative di telesorveglianza ad altissima definizione, il turismo, con lavalorizzazione del patrimonio culturale e artistico di Genova grazie alla realtà virtuale, e le soluzioni per smart city, con l’ideazione di applicazioni per il monitoraggio ambientale e la gestione remota degli impianti di illuminazione.

In particolare le prime applicazioni in ambito Sicurezza che verranno realizzate in collaborazione con Leonardo abiliteranno il People Counting, ovvero il conteggio delle persone tramite rilevamento dei passaggi attraverso varchi virtuali realizzati grazie all’uso di telecamere installate presso le aree di accesso e collegate in 5G e il People Density, ovvero il rilevamento dei dati di densità, passaggio e sosta di persone nell’area del piazzale Mandraccio per il controllo degli eventi in corso all’interno dell’area.

Obiettivo è offrire ai cittadini soluzioni all’avanguardia in grado di migliorare l’attrattività e la vivibilità della città e favorire la crescita dell’ecosistema locale attraverso nuovi investimenti sul territorio da parte di attori industriali e istituzionali. Il Porto Antico diventerà così il polo tecnologico dove sperimentare la tecnologia 5G e i nuovi servizi che trasformeranno profondamente il modo di vivere lo spazio urbano.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5