AUTOMOTIVE

Smart car, tecnologia Qualcomm per Stellantis. Via al 5G “on the road”

L’accordo pluriennale prevede l’utilizzo degli Snapdragon Digital Chassis dal 2024 sui veicoli dei 14 marchi della holding. Approccio software-defined al centro delle strategie. Maserati il primo brand a ospitare le nuove piattaforme

14 Apr 2022

L. O.

Stellantis

Sarà Maserati il primo brand a ospitare le super-tecnologie di Qualcomm. Ma a partire dal 2024 seguiranno tutti gli altri marchi (in tutto 14) della scuderia Stellantis. E’ l’obiettivo dell’accordo pluriennale siglato dai due gruppi, che punta a fornire “esperienze intelligenti, personalizzabili e coinvolgenti” a milioni di veicoli. Al cuore dell’accordo l’utilizzo dei nuovi Snapdragon Digital Chassis: sfruttando le piattaforme Snapdragon Cockpit e le capacità 5G per i sistemi telematici, Stellantis potrà offrire esperienze personalizzate di guida e di infotainment. Sarà il brand Maserati ad aprire le danze con i nuovi “equipaggiamenti” digitali.

Le strategie di Stellantis

L’intesa faciliterà il piano di Stellantis di fondere tutti i domini software in computer ad alte prestazioni, sfruttando le piattaforme Snapdragon Automotive in tutti i principali domini dei veicoli, oltre a contribuire ad assicurare la supply chain di Stellantis sui componenti strategici.

WHITEPAPER
Connected Car: in Italia un mercato da 1,18 miliardi che ha resistito alla pandemia
Automotive
Connected car

“La nostra collaborazione tecnologica con Qualcomm Technologies – spiega Carlos Tavares, Ceo di Stellantis – è un altro esempio di come stiamo identificando i leader del settore per lavorare a fianco dei nostri team interni appassionati e talentuosi, mentre trasformiamo i nostri veicoli attraverso un approccio software-defined. Questo alla fine soddisferà meglio le esigenze degli stili di vita dei nostri clienti attraverso funzioni sicure, personalizzate e sempre connesse. La vasta esperienza di Qualcomm Technologies nel settore automobilistico e la sua leadership nel campo dei semiconduttori ci permetterà di integrare verticalmente gli elementi chiave delle nostre nuove piattaforme e di gestire più da vicino l’intera supply chain elettronica, fornendo l’accesso alle migliori tecnologie che consentono la realizzazione del potenziale di volume di Stellantis e il raggiungimento della nostra Dare Forward 2030.”

Spinta ai veicoli del 21esimo secolo

“Qualcomm è onorata di espandere il lavoro con Stellantis per ridefinire i veicoli nel 21° secolo, portando le soluzioni Snapdragon Digital Chassis ai loro futuri veicoli – dice Cristiano Amon, presidente e Ceo Qualcomm Incorporated -. Creando piattaforme automobilistiche aperte, scalabili e complete che comprendono semiconduttori, sistemi, software e servizi, stiamo supportando Stellantis a guidare la trasformazione verso l’era digitale delle automobili”.

Il ruolo delle piattaforme Snapdragon Cockpit

Portando il rapporto guidatore-veicolo su un nuovo livello, Stellantis utilizzerà le piattaforme Snapdragon Cockpit di nuova generazione per alimentare i sistemi di comunicazione e infotainment all’interno dell’auto per Stla SmartCockpit, che è stato progettato e realizzato insieme ad Amazon e Foxconn.

Le piattaforme Snapdragon Cockpit, si legge in una nota, “non sono solo progettate per fornire grafica ad alta definizione alla console dell’abitacolo a controllo tattile e vocale, ma anche per offrire un’esperienza completamente coinvolgente al suo interno, consentendo un audio premium e comunicazioni vocali cristalline”.

Intelligenza artificiale a bordo

Le piattaforme Snapdragon Cockpit saranno utilizzate anche per migliorare Stla Brain, portando un nuovo livello di intelligenza digitale per la comodità e la sicurezza, e contribuendo a migliorare le capacità dell’assistente personale a bordo del veicolo con funzioni di intelligenza artificiale altamente intuitive. Fra gli altri, aggiornamenti over-the-air che permetteranno al veicolo di evolvere e migliorare naturalmente essendo costantemente aggiornato, così come funzioni su richiesta e aggiornamenti istantanei del veicolo, come cavalli aggiuntivi o modalità di guida.

Ancora, saranno possibili esperienze personalizzate, sfruttando l’AI per adattarsi a un’ampia varietà di preferenze dei clienti ed esperienze utente migliorate, grazie a una comunicazione più veloce con le funzioni connesse e una maggiore potenza di calcolo per supportare gli aggiornamenti futuri.

Per finire, verranno garantiti nuovi servizi e soluzioni, esperienze sempre connesse e “esperienze di proprietà” migliorate con diagnosi e riparazioni completate via etere per tutti i principali sistemi del veicolo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4