Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LE GARE

Fibra, ecco il secondo bando Infratel per le aree bianche

Dieci le Regioni coinvolte più la Provincia di Trento: a gara risorse per 1,2 miliardi. La partita riguarderà 3.170 Comuni per 5,5 milioni di abitanti. Si punta a cablare 3,9 milioni di unità abitative e aziendali. Per le domande c’è tempo fino al 30 settembre

08 Ago 2016

Mila Fiordalisi

Piemonte, Valle D’Aosta, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Basilicata, Sicilia e della Provincia autonoma di Trento: queste le regioni “oggetto” del secondo bando di gara Infratel per la realizzazione della rete a banda ultralarga di proprietà pubblica nelle aree bianche. Il bando, disponibile sul sito www.gareinfratel.it, mette a gara risorse per oltre 1,2 miliardi – per l’esattezza 1.254.989.312 Iva compresa – ed è suddiviso in sei lotti funzionali.

Le infrastrutture che verranno realizzate saranno in grado di coprire una popolazione di oltre 5,5 milioni di abitanti e interesseranno il territorio di 3.710 Comuni. Con il programma di lavori verranno raggiunte circa 3,9 milioni di unità abitative o aziendali. Il termine per la presentazione delle domande è fissato alle ore 13 del 30 settembre 2016 e come si legge nella relativa nota Invitalia “il bando seguirà lo stesso iter del precedente analogo (pubblicato il 3 giugno 2016) con aggiudicazione mediante procedura ristretta gestita tramite piattaforma telematica”.

Sono 17 dunque in totale le Regioni (al primo bando fanno capo Abruzzo, Molise, Toscana, Emilia Romagna, Lombardia e Veneto) che si preparano per la sfida ultrabroadband e con la pubblicazione del secondo bando risultano impegnate il 91,8% delle risorse complessive messe a disposizione del piano per le aree bianche. A questo punto delle cose mancano all’appello solo Puglia, Calabria e Sardegna. Secondo quanto risulta a CorCom alle tre regioni sarà riservato un bando ad hoc che sarà emanato con tutta probabilità a settembre o comunque nella prima parte dell’autunno per partire con le gare il prima possibile. Nelle tre regioni si sta procedendo alla realizzazione delle infrastrutture con i fondi della precedente programmazione e quindi c’è meno fretta di procedere con l’assegnazione delle nuove risorse.

Intanto riguardo al primo bando sono Enel Open Fiber, Fastweb, Metroweb Sviluppo, Tim Agenda digitale, Estra ed E-Via le sei società che – come anticipato da CorCom – hanno presentato domanda per realizzare le nuove reti

IL PRIMO BANDO

Articolo 1 di 3