Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PIANO

Banda ultralarga, in arrivo voucher da 3mila euro per impresa

Il Piano sarebbe prossimo all’approvazione da parte del Mise, ha annunciato il presidente di Infratel Maurizio Dècina. Previsti 5mila euro per scuola. E ci saranno risorse anche per le famiglie. Si punta a spingere la domanda di fibra. Prossimo step: le aree grigie

10 Apr 2019

Mila Fiordalisi

Direttore

3mila euro per Pmi. 5mila per istituto scolastico. E risorse anche per le famiglie. Questo il “piano” voucher a cui sta lavorando il Mise insieme con Infratel. Ad annunciare le misure prossime venture, il presidente di Infratel Maurizio Dècina in occasione del convegno annuale Aiip che ha riunito a dibattito a Roma politici, aziende ed esperti del settore sul tema dell’ultrabroadband.

L’evento ha fatto anche da palco alla presentazione di un ampio studio realizzato – per conto dell’Associazione degli Internet provider presieduta da Giuliano Peritore – dall’I-com, L’istituto per la competitività guidato da Stefano Da Empoli. Dècina ha sottolineato che il piano di incentivi – di cui peraltro si discute da anni – “è prossimo all’approvazione”. L’obiettivo è favorire la domanda di fibra, attualmente stagnante e decisamente non in linea con l’infrastrutturazione. “Le reti vanno accese”, ha detto il presidente di Infratel. I riflettori, inoltre, si stanno progressivamente spostando sulle aree grigie su cui sono attesi investimenti, alla stregua di quanto avvenuto per le bianche, in modo da poter spingere ulteriormente la posa della fibra e soprattutto andare a portare la connettività a banda ultralarga fino a 1Gb in zone strategiche dove spesso si concentrano le aziende e i distretti industriali.

Infratel – ha annunciato il direttore generale Salvatore Lombardo – “è prossima alla conclusione della nuova mappatura delle aree in questione” da cui poi sortirà un quadro preciso dello status quo per poter procedere con eventuali azioni a sostegno dell’infrastrutturazione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5