Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

PIANO FIBRA

Banda ultralarga, aggiudicazione definitiva a Open Fiber

Lo ha deliberato Infratel a seguito del cda: “Aggiudicazione efficace della procedura di gara” per la realizzazione dell’infrastruttura passiva nelle aree bianche di tutti e cinque i lotti

18 Mag 2017

Banda ultralarga, via libera definitivo a Open Fiber. Lo ha deliberato Infratel a seguito del cda di martedì scorso, 16 maggio: “Aggiudicazione efficace – questo il testo – della procedura di gara per tutti e cinque i lotti posti a gara”.

In ballo l’affidamento della concessione di “costruzione e gestione” dell’infrastruttura passiva a banda ultralarga nelle aree bianche del territorio delle regioni Abruzzo e Molise, Emilia Romagna, Lombardia, Toscana e Veneto.

Si chiude così definitivamente a favore di Open Fiber per i lavori sui 5 lotti del primo bando per la realizzazione della rete ultraveloce pubblica, dall’importo complessivo di 1,4 miliardi di euro. La rete sarà data in concessione per 20 anni e rimarrà di proprietà pubblica.

Open Fiber intanto si è candidata per il secondo bando da 1,2 miliardi per la realizzazione delle reti ultrabroadband nelle aree bianche Piemonte, Valle D’Aosta, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Basilicata, Sicilia, più la provincia di Trento.

Il 7 marzo il Tar del Lazio aveva respinto il ricorso di Telecom Italia (Tim) contro i bandi Infratel: secondo una comunicazione del Tribunale amministrativo la sentenza “respinge, dichiara inammissibile” il ricorso. Tim si era opposta alle regole per i bandi Infratel per circa 4 miliardi di euro anche perché, sosteneva, favorivano Open Fiber, società controllata dal gruppo Enel e Cdp.

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
banda ultralarga
I
infratel
O
open fiber